eventi
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
EIMA
Bologna
19-23 Ottobre 2021
TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

giovedì 21 febbraio 2013


CONFUSIONE SESSUALE PER LA DIFESA DAGLI INSETTI DANNOSI DEL MELO E DEL PESCO. IL CReSO FA IL PUNTO

Il Centro ricerca per la frutticoltura del CReSO ospita il 6 marzo il workshop interregionale sulla confusione sessuale in frutticoltura, il metodo eco-sostenibile per la difesa dagli insetti dannosi del melo e del pesco. A Manta si incontreranno i ricercatori e i tecnici delle zone italiane dove il metodo è ormai ampiamente diffuso: Sud-Tirolo, Trentino, Emilia-Romagna, Valtellina e Piemonte.
La confusione sessuale rappresenta una storia di successo per la sostenibilità ambientale e la sicurezza alimentare della frutticoltura di questi territori; ha consentito di sostituire gran parte degli interventi insetticidi con un metodo intelligente che previene gli accoppiamenti degli insetti dannosi.
Nel 2012, nella sola provincia di Cuneo, la superficie protetta con il metodo naturale è stata di 2.600 ettari di melo e ben 4.150 ettari di pesco, in quest'ultimo caso il 92% della superficie totale. Considerato che la confusione consente di sostituire almeno tre interventi insetticidi convenzionali all'anno, è facile immaginare il beneficio e la ricaduta sull'ambiente.
La riduzione dei residui di agrofarmaci sui frutti, fino anche all'azzeramento, ha inoltre favorito la competitività della frutticoltura piemontese sui mercati internazionali, anche quelli più esigenti e restrittivi in termini di sicurezza alimentare.
Nel corso del workshop si presenteranno gli ultimi aggiornamenti, in tempo per l'applicazione alla stagione 2013 e si confronteranno le esperienze per affinare il metodo. L'efficacia della sola confusione sessuale non è infatti scontata. Le principali criticità si riscontrano in situazioni particolari: frutteti con un'elevata pressione dei carpofagi, impianti di forma irregolare o sotto vento; infine andamenti stagionali sfavorevoli. Il buon esito della confusione sessuale è legato all'organizzazione tecnica presente sul territorio. Il supporto dei Centri di consulenza è indispensabile per monitorare il rilascio dei feromoni dai dispenser, seguire passo a passo l'evoluzione in campo e adottare tempestivamente gli interventi correttivi.

Clicca qui per scaricare la locandina

Fonte: Ufficio Stampa CReSO
 


Altri articoli che potrebbero interessarti: