eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

martedì 19 aprile 2022


Gelo in Francia, aiuti per 20 milioni di euro

"La notte tra il 3 e il 4 aprile è stata la più fredda in Francia. Qui a Cazes-Mondenard, ho visto la dignità e il coraggio dei nostri agricoltori colpiti da questo episodio di gelo. Sono anche venuto per assicurare loro la totale solidarietà del Governo", ha dichiarato il Primo Ministro.

Secondo Météo-France, la notte tra domenica 3 e lunedì 4 aprile è stata la più fredda dal 1947 per un mese di aprile. Jean Castex ha scelto di andare in una fattoria di frutta che ha perso l'80% del suo raccolto nel Tarn-et-Garonne perché il dipartimento è stato uno dei più gravemente colpiti da questo episodio di gelo con la valle della Garonna, la Dordogna, alcune regioni orientali, la cima della regione Nouvelle-Aquitaine.

Ha riconosciuto che il potenziale danno potrebbe essere molto significativo, soprattutto per gli arboricoltori e in primo luogo per i produttori di drupacee come pesche, albicocche, ciliegie e prugne e ha annunciato l'istituzione di un fondo di aiuti di emergenza di 20 milioni di euro gestito dai prefetti.



Ha anche dichiarato: "Attiveremo anche il Fondo nazionale per i disastri agricoli in modo completamente accelerato, soprattutto per la produzione che è stata maggiormente colpita da questo episodio di gelo. Riattiveremo anche per le aziende agricole interessate, l'eccezionale copertura dei loro contributi sociali, e ringrazio molto di cuore la Mutualité sociale agricole che è, in questo ambito, un partner molto esemplare". 

E ha aggiunto: "Allo stesso modo, sarà attuato anche lo sgravio automatico per gli agricoltori interessati ai sensi della tassa di proprietà sui terreni non sviluppati. Al di là di questo, e quello che credo ognuno di noi debba capire, è che dobbiamo accelerare l'adattamento e la resilienza della nostra agricoltura, la nostra viticoltura a questi fenomeni climatici che, come possiamo vedere, stanno accelerando sia in frequenza che talvolta in intensità".

"Promuovere l'acquisizione di dispositivi di protezione"
Ha deplorato il ripetersi di questi episodi climatici e ha ricordato: "La legge di riforma dell'assicurazione delle colture, votata lo scorso febbraio, e che entrerà in vigore il prossimo anno, consentirà una copertura dei rischi per tutti, più semplice, più equa e più protettiva, grazie a un contributo rafforzato di solidarietà nazionale. Dobbiamo continuare, insieme alla professione, a prepararci per il futuro: il piano di ripresa della Francia è stato integrato per un importo di 140 milioni di euro nel 2021 per finanziare l'acquisizione di dispositivi di protezione come le torri antigelo. Sarà necessario andare oltre, amplificando la ricerca e l'innovazione per promuovere colture più resilienti e tecniche che integrino i cambiamenti climatici".

Fonte: www.reussir.fr


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: