eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

mercoledì 23 febbraio 2022


Kiwi neozelandese, previsto record produttivo

La stagione 2022, iniziata a The Puke nel nord-est della Nuova Zelanda, ha il potenziale per stabilire un altro record per il maggior numero di kiwi mai prodotti. Le previsioni parlano di una produzione di almeno 190 milioni di cassette, superando lo scorso anno che aveva portato alla raccolta di “soli” 177 milioni di cartoni. Considerando che mediamente ogni contenitore ospita circa 30 kiwi, e che ogni frutto pesa in media 80-100 gr, si parla di un totale tra 456 mila e 570 mila t di prodotto.

La varietà che ha fatto da apripista è la nuova RubyRed di Zespri, seguita poi dalle varietà Gold e Green, la cui raccolta tradizionalmente raggiunge il picco a metà aprile e prosegue fino a giugno. Quest’anno la produzione di kiwi rosso dovrebbe poter soddisfare la richiesta dei mercati interni e partire anche per l’estero, venendo venduto come prodotto commerciale per la prima volta. 



Carol Ward, chief grower, industry and sustainability officer di Zespri, afferma: "Con l'inizio della raccolta di questa stagione, i coltivatori e l'industria in generale seguiranno nuovamente tutti i protocolli del governo e lavoreranno sodo per raccogliere, imballare e spedire in sicurezza quello che dovrebbe essere un raccolto di almeno 190 milioni di vassoi, forse di più. Oltre al continuo aumento dei nostri volumi di kiwi SunGold, quest’anno siamo entusiasti dei risultati ottenuti con RubyRed, che sappiamo essere fortemente atteso dai nostri consumatori in Nuova Zelanda, Singapore, Giappone e Cina".

Il successo della raccolta dei kiwi del 2022 dipende dalla capacità della catena di approvvigionamento del settore di operare in modo efficace in condizioni di Covid-19 mutevoli. L'industria richiede 24.000 persone per raccogliere e imballare il raccolto, tuttavia, sembra che la situazione pandemica sarà un fattore limitante alla disponibilità di manodopera interna, oltre a causare una posticipata apertura dei confini che limiterà anche l’arrivo di lavoratori esteri per il settore, mediamente presenti in campagna sulle 6500 unità.





Il Ceo di New Zealand Kiwifruit Growers Inc, Colin Bond, afferma che il settore ha accumulato esperienza negli ultimi due anni su come gestire un raccolto sotto le restrizioni da pandemia. “La salute e la sicurezza della nostra forza lavoro è la nostra prima priorità e lavoriamo continuamente con le agenzie governative per sviluppare processi operativi per mitigare le infezioni da virus. L'industria sta lavorando in modo collaborativo per fare tutto il possibile per non incorrere in rimanenze in campo, e questo deve essere fatto in modo da garantire la sicurezza degli operatori”. 

Nonostante l’ottimismo, il capo dell’associazione dei coltivatori mette anche in guardia rispetto ad eventuali violazioni della conformità del prodotto, che diventa una preoccupazione ancora maggiore in condizioni di lavoro tese: “Ogni frutto che viene raccolto deve rispettare i protocolli del Ministero della Salute e Zespri. È responsabilità di tutti coloro che lavorano sui frutteti, dagli appaltatori, ai raccoglitori e coltivatori, per garantire il rispetto dei protocolli, per la salute dei nostri dipendenti e per l'accesso al mercato".



La campagna di raccolta in Nuova Zelanda interesserà circa 2.800 coltivatori che producono kiwi in oltre 13.000 ettari di frutteti tra Kerikeri a nord e Motueka a sud.

Copyright 2022 IFN Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: