eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

meloni venerdì 18 febbraio 2022


Meloni, vendite e organizzazione del mercato

Negli areali più precoci del Paese i trapianti dei meloni sono ai nastri di partenza: ora che la nuova campagna muove i primi passi e che le aziende si trovano nella delicata fase della programmazione, è bene dare uno sguardo – numeri alla mano – ai trend commerciali dello scorso anno. Lo facciamo con le elaborazioni del Monitor Ortofrutta di Agroter realizzate per Nunhems, brand di BASF Vegetable Seeds.

Le vendite in Gdo

Nella distribuzione moderna italiana che trend hanno seguito le vendite di meloni? Il Monitor Ortofrutta di Agroter ha approfondito le dinamiche della campagna italiana negli ultimi tre anni considerando il periodo che va da aprile a ottobre. Fatte cento le vendite del 2019, nel primo anno di pandemia i dati a volume hanno perso tre punti, mentre quelli a valore quattro, complice un’estate 2020 difficile per il prodotto. Lo scorso anno, invece, i quantitativi commercializzati sono aumentati di cinque punti rispetto all’anno di riferimento, ma le vendite a valore hanno sostanzialmente pareggiato quelle del 2019. La principale conseguenza? Il mix prezzi si è abbassato.


 
Interessante analizzare l’andamento per area geografica: se nel 2020 la contrazione delle vendite era stata praticamente omogenea lungo lo Stivale, la ripresa del 2021 si è concretizzata con un aumento dei volumi commercializzati a doppia cifra nell’Area 4 (Campania – Calabria – Basilicata –Puglia – Sicilia) pari al 14% e nell’Area 3 (Toscana – Lazio – Marche – Abruzzo– Molise- Sardegna) + 11%. Il Nord-Est ha incrementato di sette punti i quantitativi in un anno, mentre il Nord-Ovest ha fatto sì registrare un piccolo progresso di tre punti, ma si colloca comunque due punti sotto il 2019 ed è l’area che più ha frenato le performance del melone nel 2021.



Un passaggio veloce sul calendario. Complice un clima che ha stimolato i consumi, lo scorso anno le vendite sono aumentate in maniera marcata nei mesi di luglio ed agosto e anche ottobre ha fatto registrare un importante incremento dei quantitativi commercializzati.

Uno sguardo alla produzione

Per quanto riguarda la produzione italiana di meloni i dati Istat più aggiornati si fermano al 2020, quando la raccolta nazionale è stata pari a 503.289 tonnellate, in linea con il 2019 e del 4% inferiore rispetto al 2016. Le superfici dedicate si mantengono costanti sui ventimila ettari.

Un mercato da organizzare

Anche con un clima favorevole - come nell’ultima estate dove il melone ha potuto godere di una meravigliosa stagione produttiva - senza strumenti per governare il mercato alla fine i nodi vengono al pettine: a fronte di volumi in leggera crescita e vendite tutto sommato positive, il prezzo medio alla produzione nell’ultima campagna è decisamente crollato (secondo i dati della Camera di Commercio di Bologna il retato ha registrato un -43% sul 2020 e il liscio un -43%).


Il commento di Nunhems

"Oggi più che mai il produttore di melone e anguria è chiamato a prendere delle decisioni che richiedono prontezza nella capacità d’analisi della parte agronomica, del mercato, del posizionamento del prodotto - interviene Matteo Bano, account manager melone e anguria Nord di BASF Vegetable Seeds - In questo contesto è fondamentale conoscere bene tutti gli aspetti tecnici della produzione, ma anche scegliere bene su quali prodotti puntare, come posizionarli e le strategie commerciali specifiche dei diversi canali di vendita. In un business dove i dati non sono sempre strutturati o derivanti da un’unica fonte, una lettura attenta di chi conosce bene l’intera filiera, è fondamentale per individuare dei trend utili a disegnare insieme il futuro".



"L’approccio specialistico di Nunhems ha da sempre l’obiettivo di portare servizio associato al prodotto in un’ottica di costante miglioramento dell’esperienza del cliente - rimarca il manager - Da qui nasce la partnership con IFN per fornire dati e informazioni utili a leggere un mercato dinamico e sempre più veloce nei suoi cambiamenti. Un’ulteriore novità che arricchisce il servizio WhatsApp attivo dalla scorsa stagione e che quest’anno sarà ancora di più il mezzo per rimanere in contatto con tutta la filiera specializzata del melone e dell’anguria".

Per maggiori informazioni sul servizio e per iscriversi al canale, è possibile visitare la pagina di approfondimento sul sito di Nunhems cliccando qui.

Copyright 2022 IFN Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: