eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

lunedì 17 gennaio 2022


Caro energia e sostenibilità, arrivano i fertilizzanti green

Hanno affidato l'annuncio a una immagine evocativa: una stretta di mano in aperta campagna, in mezzo al verde. E' così che Yara (uno dei più importanti produttori di concimi a livello mondiale) e Lantmännen (cooperativa agricola svedese di 19.000 soci e un fatturato di oltre 4 miliardi di euro) comunicano di aver raggiunto un accordo per lanciare sul mercato fertilizzanti green, prodotti senza l'impiego di combustibili fossili.

I due uomini in foto sono Hans Larsson e Torbjörn Wahlström, rispettivamente direttore commerciale di Yara per la Svezia e responsabile marketing di Lantmännen. Da una parte il caro energia - in autunno lo stabilimento Yara di Ferrara aveva annunciato la possibilità di stoppare l'impianto per gli elevati costi del gas - dall'altra la corsa a una sostenibilità sempre più concreta, che possa partire dal campo: così la produzione dei concimi si fa più attenta all'ambiente. L'accordo commerciale tra i due colossi prevede una produzione alimentata da energia rinnovabile: questi fertilizzanti green, sottolinea una nota congiunta, sono cruciali per la decarbonizzazione della food chain e per offrire ai consumatori scelte alimentari più sostenibili.

La collaborazione tra Yara e Lantmännen è partita dal 2019, quandono si è iniziato a studiare i concimi green. Ora la partnership si è evoluta in un vero e proprio accordi commerciale: i nuovi fertilizzanti saranno prodotti da Yara e venduti da Lantmännen in Svezia dal 2023.



Invece di usare combustibili fossili come il gas naturale per produrre l’ammoniaca – l’elemento centrale dei concimi minerali – i fertilizzanti green saranno prodotti con ammoniaca generata da energie rinnovabili presenti in Europa, come quella idroelettrica norvegese. I nuovi mezzi tecnici - informano i promotori - avranno un’impronta carbonica più bassa del 80 – 90%. Yara ha una serie di progetti in essere per la produzione di ammoniaca verde, che saranno la chiave per la produzione di concimi green, in Norvegia, Paesi Bassi e Australia, e sta lavorando attivamente per espandere il business dell’ammoniaca pulita.

“La nostra partnership con Lantmännen per portare concimi green sul mercato è cruciale per decarbonizzare la filiera. Dobbiamo trasformare il sistema alimentare per rispettare l’accordo di Parigi, e questo richiede la collaborazione dell’intera catena alimentare invece che un lavoro a comparti stagni. La partnership Yara-Lantmännen è un esempio concreto di come questo possa avvenire”, afferma Svein Tore Holsether, presidente e amministratore delegato di Yara.

“Lantmännen guida lo sviluppo verso l’agricoltura del futuro. Con i concimi green di Yara consentiamo agli agricoltori svedesi di continuare ad essere all’avanguardia, offrendo ai nostri clienti performance sostenibili in accordo con gli obiettivi climatici globali e allo stesso tempo proponendo cibo sostenibile ai consumatori. Con questa partnership possiamo continuare a soddisfare la domanda in crescita di prodotti sostenibili”, afferma Per Olof Nyman, presidente e amministratore delegato di Lantmännen.

La cooperativa nordica ha un programma chiamato Lantmännen Climate & Nature, che include misure specifiche per ridurre l'impatto climatico della coltivazione e aumentare la biodiversità. Unendo questi nuovi fertilizzanti a trasporti alimentati da combustibili non fossili e la precision farming, l'obiettivo è di creare una filiera pulita dal campo alla tavola. Yara e Lantmännen stanno anche collaborando su altri progetti per ridurre l’impronta carbonica dell’agricoltura in campo tramite soluzioni nutritive, pratiche agricole innovative e strumenti digitali, permettendo il passaggio ad una catena alimentare decarbonizzata e più sostenibile.

La foto di apertura è di Mårten Svensson ed è tratta dai canali social di Yara.

Copyright 2022 IFN Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: