eventi
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
MACFRUT 2022
4-6 Maggio 2022
Rimini
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022

leggi tutto

giovedì 25 novembre 2021


«Clementine, la promo al momento giusto è sempre utile»

Meno clementine, ma più qualità. Mercato inizialmente tiepido, ma ora l'intonazione sempre prendere la giusta direzione. Se alle clementine si dà riconoscibilità il risultato commerciale può migliorare. Come farlo? Ne abbiamo parlato ieri pomeriggio sui nostri canali social assieme a Nicola Cumino, presidente Op Ortocal; Giacomo Russo, direttore commerciale Op Ortocal; Giancarlo Amitrano, responsabile acquisti ortofrutta e IV gamma at CeDi Gros e Fabrizio Pattuelli, supply chain specialist Agroter.



"Quest'anno la produzione è inferiore di un 30-40% rispetto all'anno scorso, ma questo va a favore della qualità: ci aspettiamo che la risposta del mercato compensi la minor quantità di prodotto. Le clementine della Piana di Sibari sono le migliori d'Italia e con la qualità ci difendiamo dal prodotto estero. Attraverso l'Op cerchiamo di elevare gli standard qualitativi ogni anno, a beneficio sia della Gdo che del consumatore".



"Siamo partiti piano, anche perché la produzione è inferiore, dobbiamo far fronte a costi di produzione superiori, parliamo di almeno 10-12 centesimi il chilo, ma la qualità è davvero brillante: poche pezzature piccoli e molti calibri centrali, quelli che il consumatore preferisce - ha aggiunto Russo - Con i partner della distribuzione cerchiamo di collaborare individuando il prezzo corretto. Ogni promozione, se fatta al momento giusto, ha la sua utilità: le promozioni aiutano soprattutto a non far perdere prodotto: la clementina, coltivata come facciamo noi, con tecniche rispettose dell'ambiente, ha una vita più breve di altri frutti. E le promozioni, non dimentichiamolo, in questo periodo storico aiutano le famiglie in difficoltà ad acquistare un buon prodotto salutare spendendo poco".



"Siamo partiti una settimana in ritardo rispetto alla consueta tabella di marcia, abbiamo atteso che il prodotto nazionale prendesse il giusto colore e sapore - ha puntualizzato Amitrano - Al momento registriamo dati di vendita in linea con il trend 2020 per il calibro centrale, il 2-3, quello dove concentriamo quasi l'80% dei nostri volumi. Da quest'anno abbiamo inserito in assortimento un calibro extra e questa tipologia ci sta dando grandi risultati, davvero inaspettati. Ora dipenderà molto dai prossimi momenti promozionali, ma le clementine stanno performando meglio della campagna agrumicola generale, con le arance naveline siciliane siamo un po' in ritardo coi volumi".



"All'ingrosso si respira un'aria di incertezza, tra costi in aumento, clima caldo che non favorisce i consumi dei prodotti invernali, situazione economica e consumi stagnanti - ha osservato Pattuelli - Ma per le clementine c'è attenzione. I prezzi sono polarizzati: i calibri più piccoli toccano i 50 centesimi il chilo, quelli maggiori tra 1,30 e 1,60. Poi ci sono i fuoriclasse, che spuntano quotazioni ben pià alte: il prodotto che fa la differenza sotto il profilo qualitativo viene premiato".

Lavorare sulla qualità e sulla distintività, dunque. Una proposta premium anche per le clementine può dare sprint al mercato.

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: