eventi
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
MACFRUT 2022
4-6 Maggio 2022
Rimini
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022

leggi tutto

mercoledì 24 novembre 2021


Ortofrutta nella morsa di bollette, benzina e Black Friday

Gli operatori dei Mercati generali del Nord Italia stanno registrando un progressivo calo dei consumi di ortofrutta fresca, che perdura ormai da diverse settimane. Novembre non è mai stato un mese esaltante per i grossisti, ma sembra che la situazione sia peggiore rispetto allo stesso periodo degli anni precedenti. 

“La frenata della domanda è notevole rispetto ai buoni consumi di agosto e settembre. Siamo passati praticamente dalle stelle alle stalle, per dirla con poche parole", commenta a Italiafruit News Filippo Guandalini, venditore della ditta Generalfrutta che opera presso il Centro agroalimentare di Verona. 

"La domanda è stagnante un po’ per tutti gli articoli – conferma – Da fine ottobre, abbiamo notato una continua contrazione dei consumi. Secondo il mio parere, ma anche secondo tanti altri grossisti, la causa principale è da imputare all’aumento dei costi dei beni energetici (luce, gas e petrolio) che vanno ad incidere sulle bollette e sulle spese per gli spostamenti”.



“Tali rincari pesano sul carrello della spesa alimentare, con le famiglie italiane che stanno quindi rinunciando a un po’ di ortofrutta. Anche il Black Friday è un fattore che, in questi ultimi giorni, sta penalizzando gli acquisti di frutta e verdura”.

In questo nuovo scenario economico, il consumatore medio del Nord Est si sta mostrando attento al prezzo ma non vuole assolutamente rinunciare alla qualità. “Le famiglie non cercano di comprare più prodotti ortofrutticoli di seconda scelta per restare nel loro budget. La qualità resta sempre il faro del mercato”.

“Da parte nostra – conclude il venditore di Generalfrutta – siamo speranzosi di poter lavorare di più e meglio a dicembre. In fin dei conti, il consumatore farà fatica a tirarsi indietro sul cibo per le celebrazioni natalizie. Si confida quindi che dalla seconda metà del mese potremo assistere ad un recupero dei consumi”.

Copyright 2021 Italiafruit News 


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: