eventi
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
MACFRUT 2022
4-6 Maggio 2022
Rimini
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022

leggi tutto

mercoledì 24 novembre 2021


«Uva da tavola, troppa disparità nei prezzi»

Gelate primaverili, umidità autunnale, costi di produzione sempre più alti a fronte di prezzi all’origine in netta diminuzione. Sono solo alcuni dei problemi con cui devono fare i conti i produttori di uva da tavola. E altri sembrano essere all’orizzonte: “L’uva viene venduta ai consumatori a prezzi troppo alti, rischiamo che preferiscano scegliere altri frutti più economici” spiega a Italiafruit News Angelo Franchini, titolare dell’omonima azienda agricola di Foggia, estesa su 30 ettari di impianti di uva da tavola.


Angelo Franchini

E continua: “C’è troppa disparità tra il prezzo pagato al produttore e quello proposto al consumatore. I produttori ne escono penalizzati mentre per la Gdo l’utile rimane lo stesso, sia che decidano di dedicare alla referenza 100 mq o 50 mq”.

L’azienda è specializzata nella produzione di varietà seedless e distribuisce il suo prodotto principalmente ai mercati all’ingrosso italiani e tedeschi, anche se si sta attrezzando per commercializzare anche con la Gdo.

Come altre aziende del settore, quest’anno Franchini fa i conti con le conseguenze climatiche: “Sulle uve precoci si sono abbattute le gelate di aprile e abbiamo perso dal 30 al 60% dei frutti – sottolinea il produttore -  per le varietà tardive stiamo invece facendo i conti con nebbie, umidità e piogge che favoriscono l’insorgere della botrite. A cause delle muffe, la varietà Crimson non siamo nemmeno riusciti a raccoglierla”. 

Per il futuro il produttore spera di risolvere parte delle problematiche rimuovendo quelle varietà antieconomiche da coltivare. “Sto parlando ad esempio della Crimson – conclude – che eliminerò per favorire varietà brevettate. Inoltre dovremo fare i conti con gli aumenti vertiginosi dei costi di produzione come quelli delle materie prime: i concimi, il ferro da utilizzare per gli impianti e tutte le altre spese accessorie del comparto produttivo”.

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: