eventi
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
EIMA
Bologna
19-23 Ottobre 2021
TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

martedì 21 settembre 2021


Sicilia a secco, pressing politico

La deputata di Attiva Sicilia Angela Foti ha presentato un’interrogazione all’Ars sulla gravissima crisi idrica che ha colpito l’agricoltura siciliana e, in particolare, la Piana di Catania con conseguenze devastanti sulle produzioni e quindi sull’economia locale. L’esponente del parlamento siciliano ha chiesto al governo un monitoraggio dello stato dell’arte e delle attività poste in essere dai Consorzi di Bonifica e l’eventuale destinazione delle risorse del Pnrr per potenziare le reti e le infrastrutture idriche.

“Le ultime settimane hanno decretato - dice Foti - per l’agricoltura siciliana, una lenta agonia che costa in termini di produzione e in termini di futuro per le nostre aziende agricole. Quello che deve essere uno dei settori più supportati ha, invece, visto una mancanza del bene più prezioso: l’acqua”.

“Sono note da anni alcune criticità, in ultimo denunciate da un comitato durante una manifestazione nella Piana di Catania. La penuria di risorse idriche ha causato danni per migliaia di euro dalle produzioni ortive a quelle vivaistiche fino a quelle agrumicole”.

“Il caldo record e i cambiamenti climatici giocano un ruolo non secondario ma occorre capire – come da me richiesto nell’interrogazione che ho presentato – lo stato dell’arte in fatto di invasi e la condizione della rete idrica che, in molti tratti, è incompleta o vetusta ”

Poi la deputata di Attiva Sicilia prosegue: “Ho chiesto di capire anche quanto abbiano investito i Consorzi di Bonifica sulla rete per risolvere le croniche criticità. I produttori agricoli, ad esempio, segnalano la mancata riparazione delle pompe di sollevamento del lago Biviere dal 2018.”

“E’ impensabile dover chiedere agli agricoltori il pagamento dell’interno turno d’acqua programmato a fronte di un numero minimo di irrigazioni. Con un disservizio così pesante è necessario che il governo regionale trovi  insieme ai consorzi di bonifica le soluzioni, che non siano clausole canaglia dei contratti, per i produttori ed evitare di chiedere pagamenti per dei servizi non erogati”.

“Visto che l’anno prossimo ci troveremo ad affrontare nuovamente il problema siccità, ritengo necessario che tutte le parti in causa debbano sedersi intorno un tavolo per pianificare azioni  razionali dal breve al lungo termine e le rispettive risorse, per questo ho depositato una richiesta di audizione in commissione attività produttive in  Assemblea regionale attivitá produttive”, conclude Foti.

Fonte: ufficio stampa Angela Foti


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: