eventi
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022

leggi tutto

venerdì 23 luglio 2021


Banane, attivo il salario base per i coltivatori Fairtrade

Da inizio luglio è diventato effettivo il salario base Fairtrade per le piantagioni di banane.
Questo passaggio cruciale sta a significare che aumenteranno i salari del 15% per i lavoratori del settore della banana e rappresenta un passo significativo verso la creazione di un salario dignitoso per migliaia di lavoratori delle piantagioni nel mondo.

Il salario base Fairtrade è calibrato al 70% dello stipendio necessario per un livello di vita dignitoso come è stato stabilito dall’organizzazione indipendente Living wage coalition. Fairtrade è l’unico schema di certificazione che prevede un salario minimo e fa un concreto passo in avanti verso un livello di vita dignitoso che significa un salario che consente ai lavoratori di provvedere al cibo, alle cure sanitarie, alle spese scolastiche e ad altri servizi essenziali per sè stessi e per le loro famiglie, oltre alla possibilità di mettere da parte dei risparmi.

Ciascun lavoratore delle piantagioni di banane Fairtrade ora guadagnerà come minimo il salario di base anche se lo stipendio di base legale è più basso. Nelle origini in cui i lavoratori guadagnano meno del salario di base Fairtrade, come l’Africa occidentale e la Repubblica Dominicana, si stima che gli stipendi aumenteranno di più del 15%. Si calcola che ne beneficeranno più di 12.000 lavoratori che sono circa la metà del numero totale dei lavoratori delle piantagioni di banane certificate Fairtrade nel mondo. Nei paesi in cui i lavoratori già ricevono di più, i loro salari non potranno essere diminuiti.

L’opinione dei lavoratori
“Fairtrade si è resa conto che il salario minimo che attualmente ricevono i nostri lavoratori non è abbastanza per coprire i bisogni di base di una famiglia e, grazie a questo nuovo salario più giusto, i lavoratori e le loro famiglie potranno nutrirsi meglio e i migranti potranno mandarne una parte alle loro famiglie ad Haiti, dice Minel Bellamy, lavoratore e presidente del Fairtrade worker network in Repubblica Dominicana.
La collega leader del network dei lavoratori, Maria Jorge, ha aggiunto: “Questo salario base proposto da Fairtrade significa per noi più accesso alla salute, all’educazione, al miglioramento di se stessi, alla serenità e alla motivazione per continuare a lavorare. Con perseveranza, un duro lavoro e un salario dignitoso possiamo fare tutto”.

La strategia di Fairtrade
Il nuovo salario di base è parte della strategia di Fairtrade per raggiungere un livello di vita dignitoso tra i lavoratori delle piantagioni di banane. Dopo aver applicato il salario base Fairtrade, i dipendenti possono accordarsi circa i passi e i tempi con i sindacati o altri rappresentanti dei lavoratori eletti per colmare i gap rimanenti. Nello stesso tempo, più del 50% del Premio Fairtrade può essere pagato in contanti per aumentare il salario dei lavoratori finché non ricevono un salario dignitoso concordato. Questo premio fisso, unico per Fairtrade, viene pagato da chi compra oltre al prezzo minimo Fairtrade ed è fissato a 1 dollaro per box di banana venduto (1 box di banane = 18,14 kg ndr). Nel 2019, i lavoratori del settore della banana hanno ricevuto 14.8 milioni di euro in Premio Fairtrade.
Nello stesso tempo, Fairtrade sta continuando il suo lavoro per rafforzare le relazioni con le aziende e l’abilità dei lavoratori di sindacalizzarsi per assicurare un salario dignitoso che si fondi su una contrattazione collettiva.

Il nuovo Differenziale per il salario dignitoso e servizi su misura per le aziende
Fairtrade sta anche introducendo un differenziale per il salario dignitoso che è un addizionale pagamento volontario per box di banane venduto considerato come contributo al raggiungimento di un pieno salario dignitoso. Fairtrade può calcolare il differenziale per ciascuna piantagione da cui un’azienda compra e il differenziale corrispondente da pagare in proporzione all’impegno di acquisto dell’azienda. Fairtrade assicurerà che siano applicati contratti e offrirà di monitorare e di valutare servizi per la misurazione dell’impatto. Tutti i pagamenti saranno controllati da Flocert, il certificatore indipendente di Fairtrade.
In più, programmi su misura che affrontano i motivi specifici che originano salari bassi e le sfide a seconda delle origini permetteranno alle aziende di lavorare in partnership con Fairtrade per affrontare i problemi chiave come il divario di genere e la produttività.
“I lavoratori in paesi con un basso reddito sono tra i più colpiti dalla pandemia globale e la sua ricaduta economica, lottando più che mai per sbarcare il lunario. Il salario base Fairtrade significa migliori salari per i lavoratori del settore delle banane e una rete di salvataggio in tempi incerti” spiega Nicolas Léger, consulente Fairtrade per il settore delle banane.
“Ma con i i prezzi delle banane che hanno toccato il fondo e i costi di esportazione in impennata, abbiamo bisogno che tutti nella filiera giochino la loro parte per concretizzare un salario dignitoso per tutti i lavoratori” continua Léger. “La nostra capacità unica di raccogliere dati significa che possiamo dimostrare alle aziende quello di cui abbiamo bisogno per colmare il gap verso il salario dignitoso nelle loro filiere e incoraggiamo molti di loro a lavorare con noi per raggiungere un lavoro e un salario dignitoso per tutti”.

Fonte: Fairtrade.it


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: