eventi
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022

leggi tutto

giovedì 8 luglio 2021


«Egitto e Turchia, troppi prodotti irregolari»

Sono sempre più numerose le "partite" di frutta, verdura e agrumi con sostanze vietate che Turchia ed Egitto inviano nel Vecchio Continente, ma la Commissione Europea non interviene permettendo così che prodotti potenzialmente pericolosi arrivino sugli scaffali dei supermercati e sulle tavole dei consumatori italiani e spagnoli: la denuncia arriva da “La Unio-Uniò de Lluradors”, principale organizzazione professionale agricola valenciana.

Le segnalazioni da parte del sistema europeo Rapid Alert System for Food and Feed (Rasff)  negli ultimi due mesi si sono moltiplicati: a maggio e giugno la Turchia ha già raggiunto 96 allarmi contro i 32 dell'analogo periodo 2020 mentre l'Egitto  è passato da 1 a 16.  Sono gli agrumi gli articoli con il maggior numero di segnalazioni e relativi stop, mentre adesso è il peperone a preoccupare maggiormente il sodalizio spagnolo. Lungo l'elenco di sostanza vietate (o che hanno superati il limite consentito) rilevate: clorpirifos, metil clorpirifos o procloraz.


Sopra e in apertura immagini esemplificative di agrumi egiziani

Significativo il fatto che la Commissione Europea effettui ispezioni a campione sui prodotti che entrano dall'Egitto sia alla frontiera che nei punti vendita, mentre quelli che interessano la Turchia sono solo il 5% dei lotti nei mandarini e il 10% nelle arance. Come dire che le infrazioni riscontrate sono solo la punta dell'iceberg.

La Unio denuncia che malgrado il moltiplicarsi dei casi non sia previsto alcun tipo di sanzione. E ricorre a un'"immagine" di stampo calcistico: "È come se un calciatore commettesse dieci scorrettezze gravi nella stessa partita e non venisse mai espulso”.

Il sodalizio chiede quindi che la Commissione Europea svolga audit rigorosi e stabilisca "piani di sorveglianza speciali" per i Paesi dell'emisfero settentrionale e meridionali che stanno iniziando la loro campagna di esportazione verso i mercati comunitari".  E rivendica  un'omogeneizzazione degli standard di produzione europei con quelli dei Paesi terzi, in tema di fitosanitari ed etica del lavoro: "Fino a quando ciò non avverrà dovrebbero essere sospese le importazioni di prodotti non conformi alle normative comunitarie", tuona l'organizzazione valenciana.

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: