eventi
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

mercoledì 30 giugno 2021


Rincari nei giorni clou del Covid, Gdo assolta

Assolta. La Gdo non ha approfittato dell'emergenza coronavirus per alzare i prezzi dell'ortofrutta di I e di IV gamma e - soprattutto - di altri beni di prima necessità, dalla farina al lievito, dal pane all'alcool fino ai guanti usa e getta. La "sentenza" è messa nera su bianco nel report dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato pubblicato lunedì.

L'accusa di alcuni consumatori e delle associazioni di riferimento ha innescato una vicenda che si è protratta a lungo puntando i riflettori sul comportamento di numerose insegne nel periodo febbraio-maggio 2020: a finire nel mirino, e poi oggetto di preistruttoria, con un'analisi dei listini comparati con i precedenti due mesi, sono stati una quarantina di punti vendita di Regina (gruppo Crai), Coal, Cedi Sigma Campania, Coop Centro Italia, Unicoop Tirreno, Margherita Distribuzione, Pam, Conad Nordovest, oltre ad alcuni associati a Pac2000A Conad. 



Per nessuna delle insegne indagate - cui il Report dedica singolarmente diverse pagine - sussistono elementi per ipotizzare violazioni dell’articolo 25 del Codice del consumo, comma 3, in cui si fa riferimento a "pratiche commerciali scorrette realizzate mediante lo sfruttamento da parte del professionista di qualsivoglia evento tragico o circostanza specifica di gravità tale da alterare la capacità di valutazione del consumatore, al fine di influenzarne la decisione relativa al prodotto”. Il motivo dei rincari, infatti, viene spesso ascritto agli aumenti a monte della filiera da parte dei fornitori/grossisti.



Dopo le indagini e dopo avere sentito le aziende, inoltre, l’Agcm ha constatato che presunti rincari si spiegano con l’aggiunta, nelle categorie, di nuovi prodotti, formati, formulazioni, mentre nulla è cambiato per i prodotti continuativi.

In altre parole, dice l’Antitrust, a comportare la percezione dei rialzi è stata la diversa composizione del mix di offerta. Contro i provvedimenti è ammesso ricorso al Tar entro 60 giorni dalla data di comunicazione.

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Gdo

Altri articoli che potrebbero interessarti: