eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
30 giugno-1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

martedì 27 aprile 2021


Botrite del kiwi, autorizzati Switch e Taegro

I due prodotti fitosanitari Switch® e Taegro® di Syngenta hanno da poco ottenuto l’autorizzazione in via temporanea (per 120 giorni) per il controllo della botrite, o muffa grigia, sulle piante di actinidia.

Autorizzato dal 15 aprile al 12 agosto 2021, Switch® rappresenta una soluzione unica per proteggersi dalla botrite del kiwi. Si tratta di una miscela a base di fludioxonil e ciprodinil, due sostanze attive a diverso meccanismo d’azione. "L’attività sinergica di cyprodinil e fludioxonil permette a Switch di ottenere risultati superiori nel controllo di Botrytis cinerea, grazie alla sua elevata e costante efficacia, alla resistenza al dilavamento e alla lunga persistenza d’azione", fa sapere l'azienda in una nota.
 

L’impiego di Taegro®, fungicida biologico di origine naturale, è stato invece autorizzato dal primo aprile al 29 luglio 2021. Taegro® soluzione si integra perfettamente nei programmi di protezione per una migliore gestione dei residui. E' utilizzabile sia in programmi di difesa integrata sia in agricoltura biologica, ha ridotte dosi d’impiego e facilità d’uso, presenta un limitato intervallo di sicurezza (4 ore) e vanta un profilo eco-tossicologico favorevole. 

La contaminazione del patogeno Botrytis cinerea - rimarca l'azienda - avviene sin dalle prime fasi della fioritura, in particolare se tale stadio fenologico è preceduto da precipitazioni ripetute, come è facile che accada nei mesi primaverili. Una volta insediato negli organi fiorali, il fungo può produrre marciumi brunastri, inducendo una cascola eccessiva, impedendo alla pianta un normale processo di allegagione, o rimanere latente causando gravi danni ai frutti che si deteriorano al punto tale da non poter essere più commercializzati.



Syngenta raccomanda di applicare Switch® alla dose di 0,8 kg/ha effettuando un massimo di due applicazioni da inizio fioritura con un intervallo minimo tra i trattamenti di sette giorni e utilizzando un volume d’acqua pari a 1000 l/ha. Taegro® va impiegato sempre da inizio fioritura ed utilizzato alla dose di 370 g/ha per un massimo di tre applicazioni

Copyright 2021 Italiafruit News


A cura della Redazione

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: