eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

lunedì 22 marzo 2021


Romagnoli sostenibile con la «patata di campo»

Ridurre i consumi di acqua e di energia necessari alle irrigazioni, limitando al contempo l’impiego di sostanze chimiche di sintesi. Da questi presupposti è nato nel 2013 il progetto Patata di Campo-Amica dell’ambiente, risultato della collaborazione tra Romagnoli F.lli Spa e Legambiente per l’Agricoltura Italiana di Qualità che, in sette anni, ha visto crescere del +126% gli ettari coinvolti.

Patata di Campo-Amica dell’ambiente, una filiera di patate di alta qualità, coltivate con sistemi irrigui a bassa pressione e ad alta efficienza, che consentono di ridurre del -30% i consumi idrici, portando il fabbisogno da 4.000 a meno di 3.000 metri cubi per ettaro. Frutto di una sperimentazione sul campo avviata con un test comparativo fra due appezzamenti di terreno simili per tipologia e per operazioni meccaniche e colturali di base, ma irrigati con sistemi diversi – ad alta pressione e a bassa pressione ad alta efficienza, nei comuni di Budrio (Bo) e Monistirolo (Fe). Oggi la filiera Patata di Campo-Amica dell’ambiente coinvolge 30 produttori in Emilia-Romagna, Veneto, Lazio e Abruzzo, che coltivano alcune delle varietà più storiche come Agata e Colomba, affiancante dalle più recenti Monique e Constance, e da altre di “Nuova Generazione” come Levante e Twister, naturalmente tolleranti alla Peronospora.

“Tra le calamità naturali, la siccità è la principale causa della perdita di produzione agricola, responsabile dell'82% dei danni. La mancanza di acqua nei campi danneggia in particolare i paesi meno sviluppati con danni per 37 miliardi di dollari*. Oltre tre miliardi di persone nel mondo vivono in zone agricole colpite da livelli alti o estremamente alti di carenza e scarsità di risorse idriche. Inoltre, negli ultimi vent’anni, le riserve di acqua dolce nel mondo sono diminuite di oltre il 20%** - commenta Giulio Romagnoli, amministratore delegato Romagnoli F.lli Spa. Dati che sottolineano come quella idrica sia una sfida da affrontare con urgenza per assicurare sicurezza alimentare e nutrizione a livello mondiale. Quello che stiamo vivendo è un decennio cruciale, il tempo dell’azione per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile fissati dall'Agenda 2030 dell'Onu. Produrre di più e meglio, garantire la salvaguardia delle risolse naturali e della biodiversità, assicurare la sostenibilità economica di tutti i soggetti coinvolti nella filiera, sono obiettivi ambiziosi che devono essere raggiunti grazie a una visione di sviluppo capace di tenere insieme tutti gli aspetti della sostenibilità”.

Il disciplinare alla base di Patata di Campo-Amica dell’ambiente, oltre che efficace in termini di risparmio idrico, risulta premiante anche nel miglioramento della resa produttiva, grazie a un minore scarto di produzione e all’ottenimento di patate dal calibro più uniforme. L’irrigazione a bassa pressione ad alta efficienza, inoltre, consente di ridurre il consumo di carburante di origine fossile di oltre il 70% e di conseguenza le emissioni di anidride carbonica.

“Per noi essere responsabili significa impegnarci concretamente nella ricerca e applicazione di innovazioni in grado di rispondere efficacemente alle diverse istanze della sostenibilità – continua Romagnoli - Lo facciamo sviluppando nuove e più efficienti tecniche colturali e d’irrigazione, partendo dall’innovazione varietale, e affiancando i produttori nell’implementazione di tali innovazioni nelle proprie aziende agricole".

Sempre nell’ottica di tutelare le risorse naturali, Romagnoli F.lli Spa nel 2013 ha dotato il suo nuovo stabilimento di Molinella (Bo) sia di un impianto idrico e di depurazione che consente il riciclo e riutilizzo dell’acqua impiegata nei processi di lavorazione, sia di un impianto fotovoltaico che consente di coprire oltre il 50% del fabbisogno energetico dello stabilimento.

Fonte: Ufficio stampa Romagnoli 


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: