eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
30 giugno-1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

mercoledì 10 febbraio 2021


«Linea Skin, il nostro investimento per la V gamma»

Verdure cotte: al vapore, alla griglia o al forno confezionate con un packaging interamente riciclabile. Sono questi i punti di forza della linea Skin, su cui ha deciso di puntare l’azienda mantovana RFood srl, specializzata nella produzione e commercializzazione di verdure cotte di V gamma.

“Tutti i prodotti della linea sono rappresentati dal brand ‘Semplicemente così’, un nome che rimanda alla nostra filosofia di consumo – spiegano a Italiafruit News i fratelli Massimiliano e Luca Rizzotti – si tratta di verdure cotte al naturale, senza aggiunta di sale o altri conservanti, perché se un prodotto è fatto bene, è buono senza aggiungere altro”.

Tra le referenze di ‘Semplicemente Così’ si possono trovare: bietole, broccoli, carciofi ma anche peperoni, zucchine, melanzane, finocchi e patate. Tutte le verdure della linea sono distribuite in confezioni da 200 grammi.

“L’anno 2020 era iniziato con numerose richieste – commentano i titolari - che purtroppo da marzo si sono congelate a causa della situazione Coronavirus, andando a ridurre drasticamente anche le produzioni, in particolare quelle richieste dalla clientela della ristorazione commerciale”.
Malgrado le numerose difficoltà di gestione logistica, produttiva e di ricerca materia prima, R Food ha mantenuto in positivo le vendite nella Do e Gdo. “Nonostante tutto non ci siamo persi d’animo – sottolineano i fratelli Rizzotti - e ci siamo concentrati nello studio di nuovi prodotti, con l’obiettivo di presentarli già nel 2021”. 
 

Nuovi prodotti gastronomici


Come new entry per il brand “Semplicemente Così” nasce la famiglia dei burger, prodotti gastronomici vegetali. “I nostri burger sono trasparenti e visibili a 360° come lo siamo noi” sottolinea Luca Rizzotti direttore della fase produttiva e di sviluppo.  
Il prodotto subisce due fasi di cottura, che contribuiscono a renderlo morbido e gustoso. Si tratta di una ricetta unica, in tre formati per tre consumatori diversi: burger per i più grandi, miniburger per i più piccoli e polpettine per un happy hour a casa con amici.

“Il 2021 sarà un anno ancora difficile e noi ancora una volta non ci arrenderemo anzi, rilanceremo con  nuove referenze – specificano i titolari - differenziando il colore dell’astuccio: confezioni azzurre per la cottura al vapore, il rosso denota i prodotti grigliati, quelli cotti al forno sono ‘vestiti’ di viola mentre è verde il packaging dei prodotti gastronomici vegetali. L’obiettivo è quello di formare gradualmente un arcobaleno: mai come in questo momento abbiamo bisogno di speranza e l’arcobaleno ci sembra un simbolo perfetto per ripartire”.


La ricetta della 'Bruschetta pazza' sulla confezione dei Tris alla griglia

Ma non si tratta solo di utilizzare il colore, come specifica l’amministratore delegato Massimiliano Rizzotti. “Per coinvolgere i consumatori meno esperti e più golosi nella preparazione dei prodotti, RFood offre una ricetta sfiziosa, consultabile direttamente sul retro della fascetta collocata su ogni confezione – spiega - Puntiamo ad offrire un prodotto completo a 360° sia nella qualità che nel packaging. Insomma non la solita verdura cotta, ma qualcosa di diverso che ci differenzi e che porterà ad ampliare il mondo della V gamma”. 

Grazie all’esperienza ormai ultradecennale nel campo dei cotti, R Food riesce ad offrire un prodotto che mantiene invariate croccantezza, colore e gusto raggiungendo una shelf life di 45 giorni, che permette di affrontare anche i mercati più lontani.  
Dopo la certificazione Fscc2000, l’azienda è impegnata in trattative di collaborazione con i mercati esteri come Spagna, Germania e Svizzera. “Senza tralasciare la nostra voglia di essere sempre più presenti in Italia” concludono i titolari.

Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: