eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

martedì 13 novembre 2018


Carciofi, la Sardegna perde oltre la metà della produzione

Il comparto carcioficolo sardo è in ginocchio dopo l'ultima ondata di maltempo che, tra la fine di ottobre e l'inizio di novembre, ha spazzato via più della metà della produzione dei tre maggiori bacini dell'isola: l'Oristanese, il Campidano di Cagliari e il Sud del Sulcis. 

Il Gruppo Agro Mediterrenea, che coltiva 500 ettari a carciofi, ci fornisce un aggiornamento puntuale della situazione, giudicata "disastrosa" dall'imprenditore Filippo Frongia: "Stimiamo una riduzione dei volumi - dice - prossima al 60-70% rispetto agli standard del periodo, con punte dell'80% per alcune zone. Ai danni causati da piogge e grandine si è aggiunta anche la Peronospora, la quale sta influendo sulla tenuta della qualità in post raccolta".

"A oggi - aggiunge - non riusciamo a garantire forniture continue alla Gdo nazionale. Così, per evitare di fare brutte figure, abbiamo scelto di servire solo i Mercati all'ingrosso locali e nazionali".

Anche la Puglia, in questi ultimi giorni, ha riscontrato un forte rallentamento della produzione per via delle recenti bombe d'acqua. "In prospettiva, il mercato italiano registrerà sicuramente una carenza di offerta sino a fine dicembre, con continue interruzioni delle forniture e prezzi sostenuti. I retailer, in particolare, avranno seri problemi nell'approvvigionamento di capolini per la IV gamma".

Il Gruppo sardo confida di poter risalire la china nella seconda parte della campagna, tra gennaio ed aprile, quando saranno in produzione le carciofaie nel Nord dell'isola e in particolare nell'areale di Valledoria. "Sarà veramente difficile recuperare il gap, ma ci proveremo - conclude - La stagione già adesso è abbastanza compromessa. Ci auguriamo che vengano smentite le previsioni meteo che prospettano gelate per dicembre e gennaio". 

Copyright 2018 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: