eventi
BIOFACH 
Norimberga,
26-29 Luglio 2022
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

lunedì 16 luglio 2018


Lavoro stagionale, sindacati preoccupati

“Siamo favorevoli ad uniformare la normativa del contratto di somministrazione con quella del contratto a tempo determinato perché potrà arginare la degenerazione dell’uso che si è fatto di questo strumento, che offre pochi elementi di difesa per i lavoratori, troppo spesso utilizzati come usa e getta. Ci auguriamo che il decreto dignità chiarisca che i contratti stagionali non siano ricompresi nella nuova normativa, mentre sui voucher chiediamo un confronto col vice premier Di Maio”. Lo ha detto il segretario generale Uila Stefano Mantegazza concludendo i lavori del Consiglio nazionale, a Roma.

“Apprezziamo il tentativo di mettere un freno alle delocalizzazioni, mentre ci preoccupa la nuova disciplina del contratto a tempo determinato. I segnali che abbiamo da parte delle aziende, infatti - ha spiegato Mantegazza - ci fanno temere che la maggior parte dei nuovi contratti a termine non andrà oltre la soglia dei dodici mesi “acausali” e che le aziende, trovandosi prive della flessibilità dell’impiego, saranno portate ad adottare politiche di maggiore turnover. Di conseguenza, la precarietà è destinata ad aumentare”.

Sul tema della stagionalità, il segretario generale ha auspicato un chiarimento sul fatto che le norme che regolano i contratti di lavoro stagionali non siano ricomprese nella nuova normativa. “Ci sono intere comunità locali che vivono delle risorse che percepiscono attraverso i contratti di lavoro stagionali, che garantiscono un reddito certo e stabile nel tempo e che verrebbero irrimediabilmente danneggiate”.

“Infine apprezziamo le dichiarazioni del vice premier Di Maio in particolare quando dice: 'non permetteremo che l’introduzione dei voucher lasci aperte delle strade che poi portano allo sfruttamento dei nostri giovani o dei nostri meno giovani'. Vorremmo a maggior ragione un momento di confronto su questo tema perché i segnali che ci arrivano vanno invece nella direzione opposta. In particolare - ha concluso Mantegazza - risulterebbe ancora più inaccettabile una norma ad hoc per il settore agricolo che, grazie al contratto a chiamata, garantisce già alle imprese tutta la flessibilità necessaria”.

Fonte: Uila Uil


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: