eventi
FRUIT ATTRACTION
Madrid,
4-6 Ottobre 2022
ASIA FRUIT LOGISTICA
Bangkok,
2-4 Novembre 2022
INTERPOMA
Bolzano
17-19 Novembre 2022
MACFRUT 
Rimini,
3-5 Maggio 2023

leggi tutto

lunedì 26 marzo 2018


Porti del Tirreno, traffici in tenuta nel 2017

Sostanziale tenuta dei traffici nel 2017 rispetto al 2016 per i porti dell'Autorità di sistema portuale del Mar Tirreno Settentrionale, Livorno, Piombino, Capraia Isola, Portoferraio, Rio Marina e Cavo, che hanno movimentato complessivamente 41.070.163 di tonnellate di merce. In questo ambito, il porto di Livorno ha contribuito con 33.702.171 tonnellate, Piombino con 4.787.206, i porti elbani con 2.580.786 tonnellate. Le navi, che hanno scalato complessivamente i porti di sistema, sono state invece 36.128, con una flessione nel numero (0,6%) compensata però dall'aumento della stazza lorda delle unità (+4,3%). La sostanziale tenuta dei traffici è stata determinata in buona parte, spiegano dall'Authority livornese, dal traffico Ro/ro (rotabili) con oltre 20,4 milioni di tonnellate, e un aumento del 7,4% trascinato dalla performance del porto di Livorno che nel 2017 ha segnato un +16,2% rispetto all'anno passato, con oltre 14,4 milioni di tonnellate ed oltre 450mila mezzi commerciali (+15%) movimentati, nuovo record per lo scalo livornese. Il porto di Livorno, inoltre, ha segnato un traffico record per il settore delle auto nuove che con una crescita del 10% sul 2016 ha superato per la prima volta la soglia delle 600 mila unità movimentate.

Per quanto riguarda i contenitori, traffico presente solo nel porto di Livorno, il 2017 si è concluso con una lieve flessione rispetto al 2016, anno record. La diminuzione per gli analisti dell'Autorità di sistema è da imputare al decremento del traffico di trasbordo, notoriamente volubile ed instabile, senza intaccare lo "zoccolo duro" del traffico containerizzato che ha registrato un +0,7%. Infine i forestali, vero fiore all'occhiello del porto di Livorno: nel 2017 la movimentazione dei prodotti forestali in break bulk, dopo 2 anni consecutivi di primati con straordinarie performance (1.745.219 ton nel 2015 e 1.904.227 ton nel 2016) ha chiuso l'anno in flessione con 1.584.654 tonnellate. Il calo ha interessato sia lo sbarco che l'imbarco: lo sbarco ha aumentato la propria quota percentuale al 92% del totale movimentato del comparto (88% nel 2016).

Fonte: Ansa


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: