eventi
THINK FRESH 
6 Settembre 2021
SPECIALE FRUTTA & VERDURA 
1 Dicembre 2021
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FUTURPERA
2-4 Dicembre 2021
Ferrara 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

venerdì 12 aprile 2013


FARE SISTEMA PRIMA RICETTA PER LO SVILUPPO DEL COMPARTO ORTOFRUTTICOLO ITALIANO … CON MARCO SALVI, PRESIDENTE DI FRUITIMPRESE

Della CasaPresidente, i consumi calano e le imprese soffrono è la sintesi della Vostra Assemblea di ieri. Cosa possiamo fare per invertire la rotta?

Salvi – Dobbiamo iniziare a lavorare tutti insieme per il bene del nostro sistema ortofrutticolo. Non si va da nessuna parte nello scenario internazionale se non si è efficienti, se non si hanno dimensioni rilevanti, se non si fa sistema. Fare sistema vuole dire, ad esempio, supportare l'OI per discutere dei temi di filiera, indirizzare le strategie in modo univoco e coeso, camminare insieme cavalcando il grande potenziale del Made in Italy. Molti mercati si vincono con la logistica, spesso navale, questa è alla portata solo di sistemi di imprese, non di imprese singole. Molti altri, quelli più vicini a noi, sono penetrabili meglio solo con una segmentazione corretta dell'offerta e, questa, è possibili solo se integriamo mondo del commercio con il mondo agricolo in un processo virtuoso di innovazione. E di nuovo si tratta di fare sistema.

Della CasaCome possiamo mettere insieme le imprese in un sistema frammentato come il nostro?

Salvi – Bisogna superare i vecchi schemi, dobbiamo pensare a nuove forme, più snelle sul piano giuridico ma più coese sul piano organizzativo. Ci serve lavorare con il sistema produttivo, aiutandolo nella gestione delle sue problematiche, coadiuvandolo nelle richieste di risorse, nella protezioni delle nostre tipicità, per evitare che fra pochi anni ci si trovi senza frutteti e produzione. E' venuto il momento di passare ai fatti e non solo ai massimi sistemi; si può partire sul mercato interno, più agevole perché più circoscritto anche se non scevro di difficoltà, per poi passare anche a quelli internazionali, dove le dimensioni – come accennavo – fanno la differenza. L'importante è avere una visione di prospettiva, un modello e un obiettivo comune, continuare a tamponare sul giorno per giorno è molto pericoloso.

Copyright Italiafruit


Altri articoli che potrebbero interessarti: