eventi
CIBUS
Parma 
31 Agosto - 3 Settembre 2021
MACFRUT 2021
Rimini
7-9 Settembre 2021

TUTTOFOOD
Milano 
22-26 ottobre 2021
INTERPOMA
Bolzano
4-6 Novembre 2021 
FIERAGRICOLA 
Verona
26-29 Gennaio 2022

leggi tutto

giovedì 4 marzo 2021


Pompelmo italiano, una nicchia che cresce e piace alla Gdo

E' un agrume di nicchia che spunta prezzi mediamente buoni e viene premiato dal consumatore italiano. Stiamo parlando del pompelmo coltivato in Sicilia dal Gruppo Rizzo e che la Spo Zentrum propone alle catene della Gdo.



"Abbiamo una nostra produzione diretta di circa cinquantamila chili e poi produttori siciliani e calabresi con cui collaboriamo: il pompelmo italiano, nonostante numeri limitati, ci sta dando soddisfazioni", racconta a Italiafruit News l'imprenditore siciliano Giacomo Rizzo. Il pompelmo Made in Sicilia è stato inserito in Esselunga e la Spo Zentrum, la società commerciale del gruppo, ha ricevuto anche alcune mail di consumatori soddisfatti dell'acquisto. "Ci hanno scritto che il pompelmo italiano è cento anni luce avanti rispetto a quello di importazione - prosegue Rizzo - Ovviamente è un prodotto che premia gusto e freschezza: il riscontro positivo dei consumatori appaga i nostri sforzi".



La campagna del pompelmo siciliano inizia a novembre e finisce verso la metà di febbraio. Il Gruppo Rizzo coltiva la varietà Star Ruby, a polpa rosa. "E' un articolo di nicchia, ma che può portare giovamento all'azienda: non farà mai volumi enormi, ma permette di distinguersi e ampliare l'offerta di prodotti nazionali - rimarca l'imprenditore - Produciamo a Marsala, dove un clima 'africano' agevola questa coltura: la nostra è una produzione a lotta integrata e la buccia dei nostri pompelmi è edibile, visto che non attuiamo nessun trattamento post raccolta. E' un agrume su cui crediamo - conclude Giacomo Rizzo - e, visto l'apprezzamento del consumatore, prevediamo ulteriori investimenti per ampliare la nostra produzione di pompelmo".



Copyright 2021 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: