eventi
FRUIT ATTRACTION 2020
Online
1-31 Ottobre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

SIMPOSIO MONDIALE DELLE CAROTE
York (Regno Unito)
4-7 Ottobre 2021 

leggi tutto

giovedì 8 ottobre 2020


Peperoni, ancora prezzi alti in attesa del prodotto pugliese

Come avevamo già segnalato la scorsa settimana (clicca qui per approfondire), si mantiene costante il trend all'ingrosso dei peperoni, che anche al mercato di Vittoria (Ragusa) registrano quotazioni medie da 1,50 a 2 euro al chilogrammo.
A fotografare la situazione è il grossista Giuseppe Vasile dell’omonima azienda di Vittoria a gestione familiare, che spiega a Italiafruit News: “Si tratta di peperoni di origine siciliana, le cui quotazioni sono destinate ad abbassarsi non appena inizierà la produzione pugliese. Per gli altri prodotti i quantitativi sono ancora limitati e i prezzi sono medio-bassi: i trapianti sono stati fatti da poco e non siamo ancora nella fase di piena produzione. C’è ancora poca merce disponibile ma da novembre, quando la produzione entrerà nel vivo, ci aspettiamo un netto aumento dei volumi”.


Tra i pomodori, i cavalli di battaglia sono rappresentati dal ciliegino e dal grappolo. “Sul ciliegino, con il prodotto extra si va da 1,20 a 1,40 euro al chilogrammo, il Piccadilly è venduto nella fascia da 1,30-1,50 euro/kg mentre il datterino va da 1,80 a 2,20 euro al chilogrammo. Il pomodoro verde raggiunge invece 1,30-1,50 euro al chilo”.



“Stanno spuntando anche le prime melanzane sotto copertura – aggiunge – che raggiungono una fascia di prezzo che va da 1,20 a 1,40 al chilogrammo, le zucchine vanno da 1,40 a 1,60 euro/kg mentre la melanzana violetta oscilla su 1,50-1,70 euro al chilo. Per quanto riguarda l’uva, vendiamo la varietà Italia a 1,20 al chilogrammo”.



Oltre ad essere presente sul mercato di Vittoria, Vasile vende su tutto il territorio nazionale ed anche oltre confine. “Commercializziamo in Germania, Olanda e Inghilterra principalmente per il pomodoro – sottolineano - mentre altri Paesi richiedono principalmente uva, come Romania, Polonia e Croazia”.

Copyright 2020 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: