eventi
FRUIT ATTRACTION 2020
Online
1-31 Ottobre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

SIMPOSIO MONDIALE DELLE CAROTE
York (Regno Unito)
4-7 Ottobre 2021 

leggi tutto

giovedì 1 ottobre 2020


Caat Torino, broccoli e pomodori in cima alle vendite

Broccoli e pomodori delle tipologie datterino, cuor di bue e grappolo. Sono i prodotti più richiesti in questi giorni al Caat di Torino secondo Mario Ischia, responsabile commerciale dell’azienda Ischia Frutta situata allo stand 21/E.

“Importiamo la maggior parte dei nostri prodotti, come broccoli, pomodori e peperoni, dalla Spagna e non abbiamo problemi di quantitativi  – aggiunge Ischia – mentre stiamo registrando una flessione nei volumi di cavolfiori e cavolo romanesco”.


Mario Ischia

Stabili le quotazioni secondo il grossista. “Il prodotto su cui registriamo la maggiore inflazione sono le melanzane, il cui prezzo è salito da 1 euro ad 1,50 euro al chilogrammo – dice Ischia – si tratta di prodotto spagnolo di qualità, mentre le melanzane italiane costano meno e presentano una qualità inferiore”.
E continua: “Del resto il mercato è stabile: vendiamo i broccoli e i peperoni intorno ai 2 euro al chilogrammo, mentre i pomodori a grappolo sono venduti su 1,70 a 1,80 euro/kg. Da lunedì abbiamo iniziato anche con le clementine spagnole, con prezzi che oscillano da 1,80 a 2,20 euro al chilogrammo. Per il periodo il prodotto presenta una buona qualità, in attesa di commercializzare tra un mese le referenze nostrane”.



Con volumi limitati durante l’arco dell’anno, Ischia Frutta commercializza anche frutta esotica e frutta secca, mentre per la frutta estiva si rifornisce dalla Francia. “Importiamo meloni, che stiamo terminando in questi giorni – commenta il responsabile commerciale - mentre su giugno e luglio sono arrivate anche le albicocche”. 
E conclude: “Dalla nostra esperienza con l’estero, posso confermare che l’Italia quest’anno non è stato l’unico Paese interessato da una riduzione dei volumi, il calo produttivo si è registrato un po’ in tutte le nazioni del bacino mediterraneo, Francia compresa”.

Copyright 2020 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: