eventi
FRUIT ATTRACTION 2020
Online
1-31 Ottobre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

mercoledì 30 settembre 2020


Parte la campagna dei cachi Tipo italiani

La campagna del caco made in Italy è ufficialmente iniziata con i primi piccoli quantitativi della tipologia tradizionale (Tipo) che alcuni produttori della Romagna hanno iniziato a raccogliere all’interno di diversi appezzamenti che registrano un anticipo di circa 12-13 giorni. 

“Le vendite sono partite da 2-3 giorni, anche se la stagione vera e propria entrerà nel vivo verso la fine della prossima settimana”, spiega a Italiafruit News l’operatore romagnolo Mirco Zoffoli che sta commercializzando le produzioni della ditta Laghi Domenico di Forlì - specializzata da oltre 40 anni nella coltivazione e nella lavorazione dei cachi Tipo - soprattutto in Svizzera e in parte sul mercato nazionale.

“Il mercato svizzero ha iniziato la campagna con una buona richiesta, specie per il prodotto crudo (foto di apertura), quindi ancora da maturare. In Italia l’abbassamento termico degli ultimi giorni sta intensificando l’interesse della Gdo per il caco maturo, con le prime spedizioni a diverse catene che saranno realizzate alla fine di questa settimana”. 



Nell’areale della Romagna, quest’anno, si notano un po’ le problematiche della pezzatura e della scarsa produzione: “I calibri sono prevalentemente medi per via dell’estate siccitosa; tra grandine, gelate primaverili e fenomeni fisiologici di cascole, inoltre, pensiamo che potrà mancare dal 30 al 40% del prodotto - precisa Zoffoli - Mentre per la tipologia Rojo Brillante, che raccoglieremo da fine ottobre/inizio novembre, il calo produttivo si dovrebbe attestare come minimo al 40%”.

Dal punto di vista commerciale, la campagna 2020 è ancora tutta da interpretare. “Il caco Tipo è una nicchia che, grazie all’esperienza e alle competenze della Laghi Domenico, stiamo riuscendo a valorizzare da diversi anni. Prevediamo di fare un bel lavoro distribuendone circa 10mila quintali in questa stagione".

"Per il Rojo Brillante - conclude - la palla sarà come sempre nelle mani della Spagna, che ha appena iniziato la sua stagione con problemi di nuove malattie che hanno provocato danni nella provincia di Valencia”.



Copyright 2020 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: