eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

Bio c' Bon mercoledì 1 luglio 2020


L'ortofrutta Bio c' Bon parlerà tunisino

Sull'home page del sito internet promette "Frutta e verdure buone come una volta" e garantisce "La freschezza sotto casa": Bio c’ Bon, insegna francese di prodotti biologici con 158 punti di vendita di cui una quarantina all’estero, Italia compresa (16 negozi concentrati in Lombardia), in questi giorni sta facendo parlare di sé per un quasi certo cambio di proprietà: dovrebbe passare alla famiglia Zouari, tunisina. La maggioranza di Bio c' Bon attualmente è ancora in mano ai fondatori, la società Marne & Finance, che ha la fetta di maggioranza, mentre il 19,9%, dal 2018, è appannaggio del colosso distributivo nipponico Aeon.



Zouari è molto attiva: tra più importanti master franchise di Casino fino alla cessione di Leader Price a Aldi, ha già rilevato per 156 milioni di euro, il 43,3% del colosso dei surgelati Picard, affiancando Lion Capital nella stanza dei bottoni della società. La strategia di fondo? Valorizzare negozi di prossimità e segmento premium. Per questo ora punta su Bio C'Bon - terzo distributore specializzato di prodotti biologici francese alle spalle di Biocoop (600 negozi) e di Naturalia di Gruppo Casino (210 Pdv) - in quanto capace di intercettare il bisogno di prossimità così come la domanda di qualità sempre più marcata da parte dei francesi quando si parla di alimentazione.

Il sodalizio nordafricano ha già individuato due advisor per guidare la transazione. 
Bio c' Bon tra l'altro è l’unico marchio che ha lanciato uno sviluppo internazionale per espandersi in Italia, in Spagna, Svizzera, Belgio e Giappone.



I negozi Bio c’ Bon, che offrono anche un servizio di spesa a domicilio, selezionano e propongono prodotti biologici "prendendo il meglio dalla distribuzione, ma - si legge nel sito internet - con una visione diversa: bio e commerciale insieme, sostenuta dalla scelta di lavorare con fornitori che garantiscono prodotti con forte identità, tradizione, bontà". 

Una visione che si distingue anche nel modo di proporsi: non solo negozio, ma punto d’incontro, non solo acquisti ma novità, esperienza e cultura. Nelle cassette eco-friendly del reparto ortofrutta Bio c’ Bon vuole offrire materia prima appena colta e di stagione, "nel rispetto dei cicli naturali della terra". Una selezione che si propone di “girare” veloce sugli scaffali, completata dal "Cestino della settimana": un kit sempre diverso con il meglio della frutta e verdura presente in negozio.

Copyright 2020 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Gdo

Altri articoli che potrebbero interessarti: