eventi
MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

venerdì 26 giugno 2020


Angurie, Bdl fidelizza i clienti col prodotto emiliano

La solida collaborazione con produttori specialisti in angurie e meloni sta ripagando la ditta grossista Bdl che opera presso il Centro agroalimentare di Rimini

“Da circa due settimane, realtà qualificate e con una lunga esperienza nella produzione di cocomeri come l'Azienda agricola Malaguti di San Matteo della Decima (Bologna) e l’Azienda Morselli Antonio di San Prospero (Modena) stanno esprimendo un livello di qualità e gusto eccezionale”, dice a Italiafruit News Giampiero Perla, co-titolare della Bdl

“La differenza rispetto al resto dell’offerta delle Crimson si vede a occhio nudo. Si tratta infatti di prodotti selezionati benissimo per pezzatura, bollinati singolarmente e stivati curando i minimi dettagli. Questo livello di qualità è proprio ciò che ricerca il mercato. Così stiamo riuscendo sia a fidelizzare i nostri clienti e consumatori, sia ad incrementare le vendite di angurie rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente”.




In questi giorni, i prezzi all’ingrosso delle angurie Crimson sono discreti e oscillano, in base alla pezzatura, dai 0,4-0,45 euro/kg ai 0,55-0,6 euro/kg”.

Come per i cocomeri, la Bdl è soddisfatta anche dei risultati commerciali fin qui raggiunti con i meloni nazionali, i quali adesso stanno quotando a 1,2-1,3 euro il chilo. “Negli ultimi mesi abbiamo collaborato con numerose aziende melonicole di tutti gli areali più vocati dello Stivale, aumentando le vendite di questo articolo di circa il 15-20% in raffronto allo stesso periodo del 2019. Questo è un grande risultato e speriamo quindi di poter continuare così bene anche nel corso dell’estate”.

Sia il cocomero che il melone, per fortuna, stanno risentendo poco della scarsità di turisti nelle strutture ricettive della riviera romagnola. “Gli articoli più penalizzati - specifica Perla - sono tutte le verdure (in particolare pomodori, zucchine, cetrioli e melanzane) per le quali sta mancando soprattutto la domanda degli hotel. Confidiamo che la stagione turistica possa raggiungere livelli consueti a partire dal 1° luglio, coronavirus permettendo”.



Copyright 2020 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: