eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

giovedì 11 giugno 2020


Ciliegie pugliesi, come lavorare con poco prodotto

Le conseguenze del maltempo si fanno sentire in Puglia, con ingenti perdite nella produzione delle ciliegie. Come testimonia a Italiafruit Bernardo D’Ambruoso, responsabile commerciale dell’omonima azienda barese di commercio all’ingrosso di ortofrutta: “Quest’anno abbiamo a disposizione un quantitativo molto ridotto di ciliegie considerate le problematiche climatiche di venti intensi e precipitazioni che si sono abbattute nella nostra zona sia a maggio che nell’ultima settimana”.
“Le produzioni medie e tardive sono state compromesse – continua – e la produzione ha subito un calo che va dal 30% fino al 50% per i casi più gravi”.


Ciliegie varietà Ferrovia

E la qualità? “Prima delle perturbazioni era ottima perché c’erano le condizioni ottimali per la maturazione dei frutti – spiega – ma le abbondanti precipitazioni hanno fatto ingenti danni”.

L’azienda si rifornisce da produttori della zona del sud est barese e, quando la produzione nazionale non è sufficiente o ormai terminata, importa prodotto anche dall’estero, principalmente da Grecia e Turchia. I suoi canali di vendita sono i mercati all’ingrosso e la Gdo italiana ed europea (Austria, Germania e Repubblica Ceca).
“Dopo la tempesta Coronavirus, le vendite si sono normalizzate – commenta D’Ambruoso – e se all’inizio i prezzi di acquisto dei produttori erano alti, adesso sono scesi parecchio e arriviamo a 2 o 3 euro al chilogrammo a seconda delle qualità. Sul mercato al momento si trovano principalmente le varietà medio tardive Ferrovia e Giorgia, ma anche Bigarreau Morreau e le Bigarreau Burlat”.


Ciliegie varietà Giorgia

Tra i prodotti commercializzati dall’azienda anche le albicocche ma pure su questi frutti si è abbattuta l’ascia del maltempo. “I quantitativi sono bassissimi perché le gelate tardive hanno compromesso la produzione nella fase della fioritura – dice D’Ambruoso  - Le percentuali commercializzate sono bassissime, talvolta quasi irrisorie”.

In apertura ciliegie danneggiate dal cracking.

Copyright 2020 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: