eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

lunedì 8 giugno 2020


La primavera consolida la crescita

Schizzano le vendite a valore, ma anche l’effetto inflattivo. I migliori trend nel Nord Est, il Sud arranca. Nella frutta l’aumento prezzi più alto.
Anche aprile, come marzo, è stato un mese anomalo per i trend di vendita del reparto ortofrutta nella Gdo italiana. L’effetto delle restrizioni domiciliari sugli acquisti domestici si è fatto sentire anche in questo mese, con qualche differenza rispetto a quello precedente per quanto riguarda gli ipermercati e supermercati della penisola. Ma la crescita è sempre netta rispetto al 2019. A livello di aree geografiche alcune differenze, soprattutto se si considera il Centro Italia. Osservando il mix prezzi si nota, ad aprile, una crescita di 6 punti per il totale reparto quando a marzo c’era stata una flessione di un punto. All'interno del reparto la frutta è la macro categoria che maggiormente registra l’effetto inflattivo.

Queste, in sintesi, le evidenze dell'analisi del Monitor Ortofrutta di Agroter, in collaborazione con Iri - leader mondiale nelle informazioni di mercato per il largo consumo, il retail e lo shopper - per i supermercati e ipermercati della Penisola.


 
Ad aprile il reparto ortofrutta della Gdo aumenta le vendite a valore del +13%, mentre i volumi crescono del +7%. Questo vuol dire che nel quarto mese dell’anno il mix dei prezzi medi cresce di 6 punti percentuali. A marzo, invece, c’era stata una flessione di 1 punto, nonostante fosse stato sbandierato il contrario dai media generalisti.
In ogni caso, se diamo uno sguardo al risultato del reparto da inizio anno, la crescita è netta e pari a un +10% a valore e +8% a volume, quindi con un effetto inflattivo di due punti.
 


A livello di aree geografiche nel mese di aprile, è il Nord Est a presentare i trend migliori (+18% a valore e + 12% a volume). Anche il Sud è sopra la media nazionale (+14% a valore e +9% a volume), mentre il Nord Ovest è molto in linea con il totale Italia. Il Centro, invece, presenta trend debolmente positivi a volume (+2%) e sotto media a valore (+7%).


 
Entriamo ora nel merito delle macro categorie: nelle vendite a valore, frutta e verdura superano la media nazionale (+14% frutta e +18% verdura, rispetto al +13% del reparto). È quindi la IV-V Gamma ad abbassare il risultato. Quest’ultima, infatti, perde 14 punti a fatturato e, anche se pesa mediamente per un 10% sul reparto, con una perdita così netta abbassa non di poco l’incasso complessivo di questo. Nella frutta i volumi crescono, ma solo del +4%, con il massimo effetto inflattivo del reparto (+10 punti). La verdura, invece, mostra i trend migliori anche a volume (+12%) ed un effetto inflattivo di 6 punti, in media con il reparto. Nella IV-V Gamma, invece, il mix dei prezzi medi flette (di 7 punti) a fronte di vendite a picco (peggiorative rispetto a marzo). In questo particolare periodo è evidente il tentativo di offerta dei distributori per i prodotti servizio, cercando di stimolarne il consumo. Tuttavia, la scarsa shelf life della categoria mal si sposa con l’effetto scorta registrato negli ultimi mesi.



Copyright 2020 Italiafruit News


Alfonso Bendi
Senior Marketing Specialist
alfonso@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: