eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

mercoledì 29 aprile 2020


«Asparagi, in tanti stanno smettendo di raccogliere»

Dopo un periodo pasquale brillante, il mercato dell’asparago veronese, produzione da sempre fortemente esportata nel Centro e nell’Est Europa, ha registrato un deciso rallentamento nelle richieste e di conseguenza i prezzi sono sprofondati in basso. 

"Molte aziende locali, in questi giorni, stanno decidendo di non raccogliere più il prodotto nei campi, anche per via delle note difficoltà a trovare manodopera, terminando quindi la campagna 2020 con un netto anticipo", spiega a Italiafruit News Luca Vesentini, socio della società agricola F.lli Vesentini che produce asparagi verdi e bianchi su 16 ettari a Ronco all’Adige. 

"Poi ci sono altri imprenditori, come me, che continuano imperterriti a lavorare ma che non vedono l’ora che giugno, vale a dire la fine della campagna, possa arrivare presto. E’ brutto lavorare senza avere una minima certezza sui consumi. Stiamo infatti vivendo un’annata stranissima, del tutto anomala per l'asparago, a causa del coronavirus. I prezzi medi alla produzione, dopo i picchi che abbiamo raggiunto prima di Pasqua, sono scesi oggi su valori molto bassi, compresi tra 2 e 3 euro il chilo per i prodotti di miglior qualità”.



“Nella Settimana Santa e in quella precedente, le cose erano andate molto bene. Il nostro asparago verde di miglior qualità - aggiunge Vasentini - spuntava prezzi di 7,5 euro il chilo e oltre, mentre il bianco viaggiava da 8 a 9 euro il chilo in su. Dal giorno dopo Pasquetta, purtroppo, abbiamo però assistito a un costante declino della domanda europea. Ecco perché abbiamo deciso di ridurre del 30% la nostra capacità produttiva, e di bloccare le raccolte dell’asparagina”.

Per fortuna, l'azienda ha avviato quest'anno una collaborazione con un gruppo italiano della Gdo, Poli, che la sta aiutando a superare questo difficile momento. L’Horeca è in generale un canale che fatica a ripartire, malgrado molti ristoratori si stiano organizzando con le consegne a domicilio. 

“La nostra speranza - conclude l’imprenditore - è che l’asparago possa ritornare a vivere un nuovo, piccolo, exploit dei consumi per la Festa della Mamma del prossimo 10 maggio, ricorrenza molto celebrata nei Paesi del Centro e Nord Europa, Germania ed Austria in primis. Possiamo inoltre solo confidare in un mese di maggio un po’ piovoso in giro per l’Europa, tale da incentivare il consumo del prodotto”.

Copyright 2020 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: