eventi
MACFRUT  DIGITAL

8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

giovedì 19 marzo 2020


Una concimazione efficace per la ripresa vegetativa

Con la ripresa vegetativa le colture ortofrutticole diventano più esigenti sotto il profilo della nutrizione. In queste settimane stiamo entrando in una delle fasi cruciali per le orticole e le frutticole, che cercano nel terreno le sostanze nutrienti per sviluppare tutti gli organi vegeto-produttivi della pianta. La concimazione, in questo periodo, fa la differenza: un errore può pregiudicare l’intero ciclo produttivo della coltura, con tutte le conseguenze negative che possiamo immaginare.

La strategia di nutrizione deve quindi essere ponderata a valutare le diverse esigenze della pianta. Il produttore deve sapere quali tipi di concime, che quantità distribuirne e quanto ne sarà effettivamente utilizzato dalla pianta. Ad esempio vanno previsti i possibili effetti dei fenomeni di lisciviazione dopo piogge intense.
Tutti aspetti nient'affatto banali, che trovano una risposta efficace nella linea di concimi a cessione controllata Agromaster dell’azienda ICL.

Nella foto Marco Castagneto Specialista ICL

Marco Castagneto, specialista ICL, spiega a Italiafruit News i segreti di questa gamma. “Agromaster è una linea di concimi a cessione controllata che grazie alla tecnologia brevettata E-Max migliora l’efficienza nutrizionale dell’azoto. E-Max è una membrana semipermeabile che avvolge il granulo di azoto e ne controlla il rilascio (clicca qui per vedere il video illustrativo). Si evitano così fenomeni di dilavamento e gassificazione e al contempo si garantisce alla pianta una fonte di nutrimento costante e prolungata nel tempo. Queste caratteristiche rendono l’uso di Agromaster sicuro, semplice e performante”.


Nella foto il principio di funzionamento della membrana semi-permeabile E-Max

Il nutrimento giusto al momento giusto, dunque. “Per esempio - prosegue Castagneto - i risultati ottenuti su melone e anguria sono molto interessanti. In particolare con Agromaster nonostante si siano ridotti o annullati gli interventi di fertirrigazione si è avuta un’elevata omogeneità di crescita. I frutti raccolti erano di  egual pezzatura e con stacchi molto più regolari rispetto al normale. Merita un accenno anche la zucca, dove i risultati raggiunti con Agromaster sono stati eclatanti, a dimostrazione che ci sono dei notevoli margini di miglioramento delle produzioni ortofrutticole se si effettua una nutrizione mirata”.

La linea Agromaster è composta da oltre 20 formulati che coprono tutte le esigenze in termini di concimazione. Inoltre, l’azienda è in grado di fornire titoli presonalizzati sulle esigenze del cliente, in modo da soddisfare le aziende più esigenti o tutti coloro che lavorano su terreni con fabbisogni nutrizionali specifici e che necessitano di particolari accorgimenti.

Copyright 2020 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: