eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

lunedì 2 marzo 2020


Emergenza coronavirus, i timori di Fruitimprese

“L’emergenza coronavirus sta purtroppo impattando in modo sostanziale sulle attività delle imprese del settore ortofrutticolo; le decisioni e le comunicazioni provenienti dalle Autorità’ nazionali e regionali stanno creando un clima di incertezza e timore nel nostro Paese ma anche tra gli operatori degli altri Paesi destinatari del prodotto italiano”. L’allarme Coronavirus per la nostra ortofrutta parte da Fruitimprese, l’associazione che associa gli esportatori/importatori .

“Comprendiamo le esigenze di tutela della salute pubblica mirate a limitare il contagio – dice il presidente Marco Salvi - ma occorre da parte delle autorità preposte un maggiore coordinamento e l’invio di messaggi che riportino la problematica nel giusto ambito e chiariscano l’effettiva portata del fenomeno, come riteniamo stia avvenendo nel resto d’Europa”.

Gli effetti più drammatici per il settore riguardano tre ambiti. Le catene della Grande Distribuzione europea stanno chiedendo garanzie, soprattutto a livello istituzionale, che i prodotti italiani siano sicuri e controllati, non fidandosi di quanto proviene dai propri interlocutori commerciali. Il pericolo é che si possano rivolgere ad altri Paesi produttori, con il rischio di perdere definitivamente le nostre quote di mercato.

Il comportamento delle autorità dei nostri Paesi confinanti sta creando grande insicurezza, la morfologia dell’Italia non consente di organizzare spedizioni senza che vi sia la certezza che il prodotto e coloro che lo trasportano possano attraversare le frontiere e che sia possibile effettuare le consegne. Occorre quindi una forte pressione diplomatica affinchè l’Italia non rimanga isolata dal resto d’Europa.

Stiamo assistendo in queste ore alle dimissioni di un cospicuo numero di operai agricoli stranieri, soprattutto rumeni, che stanno facendo ritorno al Paese di origine per il timore che a breve questo non sia più loro consentito dalle autorità sanitarie.
Occorre inoltre definire dei protocolli sanitari che consentano alle imprese, una volta scongiurato il pericolo di contagio, di svolgere la propria attività regolarmente.

“E’ fondamentale per tutto il nostro tessuto economico – conclude Salvi - che le Autorità preposte definiscano una strategia di comunicazione volta a chiarire che quanto sta accadendo realmente nel nostro Paese è il risultato di una attività di monitoraggio particolarmente capillare mirata a contenere la problematica nell’ambito dei focolai finora scoperti e che i prodotti italiani sono sicuri e non possono essere veicolo di propagazione del virus”.

Fonte: Fruitimprese


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: