eventi
FRUIT ATTRACTION 2020
Online
1-31 Ottobre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

mercoledì 5 febbraio 2020


Conor porta nelle scuole le banane bio equosolidali

Le banane biologiche ed equosolidali approdano nelle scuole italiane. A lanciarle è Conor, società del Gruppo Agribologna che da oltre 50 anni è impegnata nella distribuzione di ortofrutta fresca per i canali della ristorazione, della Gdo e dell'import-export. Un progetto di filiera completamente controllata che parte oggi dopo un anno di proficua collaborazione con la famiglia Almonte che produce banane in Repubblica Dominicana. Precisamente a Santa Cruz De Mao (provincia di Valverde), vera e propria "capitale" della produzione bananicola.

"Sentiamo forte l’orgoglio e la responsabilità di aprire un nuovo importante percorso di filiera. Nel nostro settore, le banane sono il primo articolo di consumo per la ristorazione collettiva e segnano un importante incremento di anno in anno", spiega Dario Guidi, key account di Conor per il segmento della ristorazione collettiva



Per circa un anno, Conor ha importato le banane e testato l’affidabilità della famiglia Almonte, la qualità, il livello di maturazione e il grado di standardizzazione della referenza. Ora passa al prodotto a marchio Conor Bio e Fairtrade, che risponde alle esigenze dei capitolati di gara della ristorazione scolastica

"La Famiglia Almonte - sottolinea Guidi - è un produttore serio, affidabile e impegnato nel sociale che abbiamo accuratamente selezionato, per avere direttamente sotto il nostro controllo tutto il processo, dalla coltivazione su una superficie di circa mille ettari di proprietà, alla spedizione e maturazione".



"Le specifiche delle banane su cui abbiamo lavorato assieme agli imprenditori agricoli sono volte a offrire frutti con una grammatura media di 150 grammi, che guardano al cliente in un’ottica di saving e di sostenibilità: fornire un prodotto adeguato, infatti, evita inutili sprechi - conclude - Con le aziende dominicane stiamo creando questa nuova storia, realmente strategica per Conor, di garanzia per il consumatore e di serio sostegno al territorio di riferimento".

Nella foto di apertura: Dario Guidi (a destra) con Angelo Palma, direttore generale di Agribologna e Conor durante una recente visita in Repubblica Dominicana.  

Copyright 2020 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: