eventi
FRESKON 2020
Salonicco (Grecia)
2-4 Aprile 2020

MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
CIBUS
Parma 
11-14 Maggio 2020  
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

lunedì 20 gennaio 2020


Premio Danila Bragantini: chi sono le candidate

Sono nove quest’anno le candidate alla seconda edizione del Premio all’innovazione “Danila Bragantini” organizzato dall’Associazione Nazionale Le Donne dell’OrtofruttaLe idee - selezionate e votate dalle socie fondatrici dell’Associazione - sono caratterizzate dal comune filo conduttore di una diversa declinazione dell’ortofrutta rispetto al prodotto tal quale. Un'altra conferma dell’attenzione che nei confronti del consumatore e della valorizzazione dei prodotti che rappresentano le vere linee guida dell’Associazione, nata il 6 dicembre 2017. Un pensiero va all’ispiratrice di questo Premio, Danila Bragantini, una donna e una professionista straordinaria, presente ancora oggi come esempio e guida delle imprenditrici italiane del settore.

Ecco una per una le candidature:

Nuccia Alboni
Titolare del marchio Melanzì per dare valore a un ortaggio conosciuto soprattutto per ricette salate, propone il gelato alla melanzana striata realizzato in collaborazione con la pasticcera Stefania Alessandrello e preparato solo con ingredienti naturali. L’obiettivo è stato di realizzare un gelato scegliendo le materie prime locali con attenzione al territorio. La varietà di melanzana striata completa di buccia particolarmente ricca di antiossidanti e flavonoidi conferisce al prodotto importanti valenze salutistiche. La melanzana contiene fitonutrienti, antociani, acido caffeico e acido clorogenico, potenti antiossidanti che contrastano gli effetti dannosi dei radicali liberi. La nasunina in particolare è un’antocianina che conferisce alla melanzana il suo caratteristico colore viola e le cui proprietà antiossidanti sono molto utili anche nella prevenzione dei tumori.

Lucrezia Argentiero 
Giornalista e filmaker con WhyNok L’urlo della Terra che chiede di essere amata con altri occhi. Una start-up che nasce per sensibilizzare all’imperfezione, cambiare prospettiva e combattere lo spreco. Il movimento parte da un logo. Una parola nuova. Una domanda che contiene già una risposta: WhyNok? Perché No? Dove il no diventa Ok. WhyNok? é un’incitazione. È un invito a guardare con occhi diversi .Punto di partenza è creare una rete. Riunire le aziende agricole e chi si occupa di ristorazione per ricucire quello strappo troppo netto tra produzione e consumo. WhyNok? entrerà anche nelle scuole, per sensibilizzare alla bellezza dell’imperfezione. Nello shop online è possibile acquistare i prodotti della linea I’mPerfect -
#sonoperfettomanessunolosa con originali ed estrosi soggetti creati dall’arte di Valentina D’Andrea, designer pugliese. Ha un sito web e pagine social molto seguite.

Giorgia Barsantini 
Tecnico di Check Fruit è in gara con Check Mate un’App per le donne che lavorano nel settore della certificazione qualità che semplifica la vita nella registrazione dei controlli e limita l’uso di carta. L’App identifica l’utente, visualizza i prodotti, i clienti e l’ispezione; realizza, con pochi click un verbale di controllo di conformità ed elabora i dati qualitativi e quantitativi rilevati.

Teresa Diomede 
Titolare di Racemus, azienda di Rutigliano (Bari) specializzata nella produzione di uva da tavola, presenta “A Pagnttell”, un panettone artigianale realizzato con la collaborazione di Domenico Leone, titolare della pasticceria Eclair. Il prodotto si ispira all’antica abitudine contadina di mangiare pane e uva. Impasto a lenta lievitazione naturale (36 ore), farina di semola, burro con siero a innesto di latteria locale, zucchero grezzo di barbabietola e uva da tavola senza semi glassata. Tutti prodotti della terra di Rutigliano per rievocare il piacere antico del pane e uva e trovare nuove opportunità di consumo contenute in una confezione da collezione.

Stefania Miccinelli 
Responsabile marketing di Brio propone il Caco Rojo Brillante biologico con packaging plastic free, in carta 100% riciclabile e QR code con ricettario; e l'Ananas Dolcetto bio a polpa bianca, coltivato in Togo e raccolto a completa maturazione. Ogni acquisto dell’Ananas Dolcetto sostiene l’agricoltura cooperativa in Togo aiutando i piccoli agricoltori equamente retribuiti nel rispetto dell’ambiente e dei loro diritti per uno sviluppo eco-sostenibile. Innovativo il collarino in carta con le info utili per il consumatore.

Marianna Palella 
Ceo di Citrus L’Orto Italiano presenta ”Uomo, non fare il broccolo!". I broccoli Citrus vestono cravatte E. Marinella per promuovere la salute al maschile. Fashion e Food, danno vita a un’attività di cross-selling. Una promozione sui punti vendita che consente, acquistando il broccolo Citrus di donare parte del ricavato al sostegno della ricerca al maschile all’interno del progetto Salute al Maschile di Fondazione Umberto Veronesi. Ogni mini cravatta è non solo un simpatico oggetto da utilizzare come portachiavi, segnalibro o semplicemente da collezionare, ma si fa portavoce anche di un messaggio: la prevenzione può partire anche dai gesti quotidiani più semplici, come il mettersi a tavola mangiando cibi salutari.

Mariapia Paolillo 
Cotitolare di Paolillo Srl  si presenta con Sana Chips, croccanti di finocchio disidratato da accompagnare con la confettura extra di finocchio e mela biologica del Trentino. Uno snack spezzafame per regalarsi un momento di benessere dal dolce profumo di liquirizia, i chips  sono disponibili nel formato famiglia in bustine da 100gr o in comodissime monoporzioni da 15gr. Sono lo stuzzichino ideale, uno tira l’altro, possono essere consumati semplici o accompagnati intingendoli nella Confettura extra Finocchio e Mela Biologica del Trentino. Dal colore ambrato, la marmellata è ricca di pezzetti di mela e finocchio, contiene pochi zuccheri ed è perfetta da consumare per spuntini sani, leggeri e poveri di calorie. Un’idea che va incontro al bisogno di spezzare la fame della giornata con snack croccanti e gustosi ma  salutari, gourmet e a basso contenuto calorico.

Simona Riccio 
Project manager e social media marketing presenta “Storie Bio”, un progetto di comunicazione che mette al centro il ruolo della digital transformation nel settore dell’agroalimentare in ottica di sviluppo, promozione, tutela, diffusione, innovazione e futuro. Nasce con lo scopo di aiutare le aziende e tutti gli attori della filiera a raccontare con creatività, in modo corretto e trasparente il processo produttivo dalla terra alla tavola per fare emergere la differenza del prodotto biologico da quello convenzionale, rendendo così il consumatore consapevole in fase di shopping-time. Il progetto è “ponte digitale” che va a colmare il gap di comunicazione tra il produttore/distributore/consumatore e lo si sviluppa nell’unico luogo dove le persone cercano informazioni, scambiano idee, consigli e creano conversazioni che generano a loro volta interazione e stimolo di acquisto: il web.

Francesca Russo 
Responsabile Marketing Romagnoli Fratelli Spa con E’Vita Patate residuo 0 di nuova generazione. Il progetto ha creato una nuova gamma di patate da consumo selezionate inizialmente per la resistenza alla peronospora e ha redatto  e testato un nuovo disciplinare di difesa integrata, che permette di ottenere un prodotto finale privo di residui di fitofarmaci. I partners di ricerca che hanno collaborato al progetto sono: Agrico, l’Università degli Studi della Tuscia,e Legambiente. La linea tecnica di difesa colturale “Residuo Zero” messa a punto nella sperimentazione ha permesso di ottenere patate senza residui chimici,  risultato certificato da Check-Fruit, che pone la Romagnoli F.lli Spa come la prima azienda in Italia ad aver ottenuto la certificazione Residuo Zero su patata. L’attività sperimentale è stata estesa anche al packaging sostenibile con la messa a punto in collaborazione con Sorma di un vertbag plastic free, un nuovo packaging costituito da due elementi: carta e un bio-polimero estruso, entrambi compostabili nell’umido. Un pack unico nel settore patate che lega profondamente  il prodotto con i principi di sostenibilità ispiratori dell’intero progetto.

Fonte: ufficio stampa Associazione nazionale Le Donne dell’Ortofrutta


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: