eventi
FRESKON 2020
Salonicco (Grecia)
2-4 Aprile 2020

MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
CIBUS
Parma 
11-14 Maggio 2020  
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

venerdì 17 gennaio 2020


Cavoli, come difendere le piante da cavolaia e nottua

Pieris brassicae e Mamestra brassicae sono i due lepidotteri che impensieriscono maggiormente gli agricoltori con campi di cavoli. Le larve di cavolaia e nottua del cavolo si cibano infatti voracemente delle foglie di molte specie di Crucifere, come cavoli, cavolfiori, broccoli, cavolo nero, cavolo cappuccio, cavolino di Bruxelles, verza e tanto altro ancora.

I danni che le larve arrecano alle piante possono essere lievi, nel caso di infestazioni limitate, ma anche molto ingenti e possono portare alla morte della pianta. Anche se i danni sono limitati, se apportati al corimbo (il fiore) possono decretarne la svalutazione commerciale. Inoltre la presenza di ferite e di escrementi aprono la strada ad infezioni di tipo batterico-fungino che possono avere conseguenze gravi.

Prima di vedere quali sono i rimedi per la difesa del cavolo da nottua e cavolaia guardiamo alla loro biologia.
 
La biologia dei lepidotteri del cavolo
Il primo, Mamestra brassicae, è un lepidottero con abitudini notturne. La farfalla, che può raggiungere i 45 millimetri di apertura alare, è di colore grigio-marrone. Gli adulti svernanti compaiono in aprile-maggio e depongono le uova sulla pagina inferiore delle foglie di cavolo. Dopo quindici giorni le uova si schiudono e le larve, di colore verde o giallo-verde iniziano a nutrirsi delle foglie e scavano anche gallerie nel fusto. 

Dopo circa due mesi le larve si incrisalidano nel terreno e nel mese di luglio avviene lo sfarfallamento della seconda generazione, quella che poi svernerà in forma di crisalide nel terreno.

Pieris brassicae, comunemente nota come cavolaia, è un altro lepidottero altrettanto dannoso, poco più grande della nottua, ma che compie anche quattro generazioni nei nostri areali. La cavolaia sverna come crisalide nascosta in anfratti dei muri o sotto la corteccia degli alberi. Lo sfarfallamento avviene all'incirca ad aprile e dopo l'accoppiamento avviene la ovodeposizione sulla pagina inferiore di specie appartenenti alla famiglia delle Crucifere.

Le larve, lunghe circa 35-40 millimetri, di colore giallo-verde e ricoperte di setole, si nutrono delle foglie del cavolo arrecando danni importanti. Se nel caso della nottua le larve si nascondono nel terreno di giorno, la cavolaia continua la sua attività trofica anche alla luce del sole ed è facilmente individuabile.


Una larva di Mamestra brassicae (Fonte foto: Bayer Crop Science)

La lotta ai lepidotteri del cavolo
Quali sono dunque gli strumenti in mano all'agricoltore per la difesa della coltura? Vediamo cinque metodi di difesa efficaci per il controllo dell'insetto.

Insetticida
Il metodo più semplice e risolutivo è l'applicazione di insetticidi alla comparsa della prima generazione. Per monitorare la presenza del lepidottero occorre predisporre in campo le apposite trappole a feromone, in modo da intercettare i primi sfarfallamenti.

Esistono in commercio molti agrofarmaci registrati che possono essere utilizzati contro cavolaia e nottua del cavolo. Bisogna però fare attenzione perché non tutte le specie di cavolo sono registrate per un medesimo prodotto. Bisogna dunque stare attenti all'etichetta. Ad esempio su cavolo bianco sono registrati 63 insetticidi utili contro la cavolaia, mentre nel caso della verza gli agrofarmaci registrati sono ben 71.

Bacillus thuringiensis
Contro le larve di cavolaia nei primi stadi di sviluppo è efficace anche un insetticida di origine biologica a base di Bacillus thuringiensis, un batterio in grado di uccidere questo insetto. La larva infatti, quando ingerisce il batterio depositato sulla foglia, subisce un blocco delle attività digerenti che ne provoca la morte in pochi giorni.


Una larva di cavolaia (Fonte foto: J.K. Lindsey)

Parassitoidi
Esistono specie di ditteri e imenotteri in grado di parassitare Pieris brassicae e Mamestra brassicae. I più efficaci contro la cavolaia sono Trichogramma evanescens, che parassitizza le uova, e Apanteles glomeratus, che invece colpisce le larve, come anche Phryxe vulgaris. Per quanto riguarda la nottua esistono alcuni entomofagi come Amblyteles armatorius e Compsilura concinnata.

Si tratta tuttavia di insetti che non sono commercializzati, ma che sono presenti in natura e possono svolgere un ruolo nel controllo del parassita. Bisogna dunque favorirne la presenza ad esempio prestando la massima cura nel posizionamento di eventuali insetticidi.

Freddo
La generazione forse più dannosa di cavolaia è l'ultima, perché si sviluppa sul finire dell'estate-inizio dell'autunno, quando in campo c'è molta biomassa e i cavoli sono praticamente pronti per la raccolta e la commercializzazione.

Nel contrasto dell'ultima generazione un alleato importante è il gelo. È buona norma monitorare sempre le previsioni meteorologiche e in caso di gelate notturne si possono avere buone chance che la maggior parte degli esemplari soccomba a causa del freddo.

Rotazione delle colture
Per evitare che la pressione di questi lepidotteri sia eccessiva è buona norma far passare almeno quattro anni tra una coltivazione di una specie appartenente alla famiglia delle Crucifere e un'altra. In questo modo le crisalidi svernanti, una volta uscite dal terreno, non troveranno cibo e sopravviveranno solo in numero limitato.

Fonte foto di apertura: © effe64 - Adobe Stock

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Autore: Tommaso Cinquemani 



a cura di AgroNotizie

Altri articoli che potrebbero interessarti: