eventi
FRUIT ATTRACTION 2020
Online
1-31 Ottobre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

MACFRUT 2021
Rimini
4-6 Maggio 2021

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 
FRUIT LOGISTICA
Berlino & Online
18-20 Maggio 2021

TUTTOFOOD
Milano 
17-20 Maggio 2021
MACFRUT DIGITAL 
Online
28-30 Settembre 2021 

leggi tutto

martedì 8 ottobre 2019


Fem: la pulizia degli atomizzatori spiegata in un workshop

Oltre 50 esperti hanno partecipato nei giorni scorsi alla due giorni di workshop Sprayer Cleaning sulle soluzioni per contrastare la contaminazione puntiforme da agrofarmaci, organizzato dalla Fondazione Edmund Mach a Soprabolzano in Alto Adige 

Ricercatori, enti di normazione, costruttori di macchine ed aziende specializzate provenienti da tutta Europa, si sono confrontati  sui sistemi di pulizia interna ed esterna da utilizzare direttamente in campo a fine trattamento, ma anche  sulle  soluzioni per il lavaggio in azienda, la raccolta e la gestione dei reflui, per arrivare alle soluzioni collettive che da alcuni anni si stanno diffondendo soprattutto in Francia.



L'evento scientifico internazionale è stato organizzato dall’Associazione inglese dei biologi applicati in collaborazione con il Dipartimento di scienze agrarie forestali e alimentari dell'Università di Torino, la Fondazione Edmund Mach ed il Centro Ricerca di Laimburg.

La non corretta gestione delle fasi di pulizia dell'irroratrice, sia interna che esterna, è considerata uno degli elementi più importanti della potenziale contaminazione da prodotti fitosanitari da fonti puntiformi ed è davvero necessario trovare e diffondere metodi per evitare o mitigare questo rischio.

Questo workshop aveva lo scopo di favorire lo scambio di esperienze e la discussione fra diversi soggetti interessati, al fine di produrre possibili progressi su questo tema, attraverso la dimostrazione e la diffusione delle soluzioni attualmente disponibili per evitare o mitigare il rischio di contaminazione puntiforme.  

Considerate le peculiarità dei territoriali e dell'agricoltura del Trentino e dell'Alto Adige, dove ad aree in cui la coltivazione è più intensiva ad elevata densità di irroratrici in uso (vite e melo) si associano zone con ordinamento produttivo più estensivo (cerealicolo e zootecnico) ed una presenza di irroratrici più sporadica,  le esperienze maturate e quelle in corso a livello europeo possono rappresentare un utile riferimento anche per affrontare la problematica a livello locale, anche in vista delle disposizioni che verranno introdotte dal nuovo piano d'azione nazionale sull'uso dei prodotti fitosanitari.

Fonte: ufficio stampa Fem


Leggi altri articoli su:

Fem

Altri articoli che potrebbero interessarti: