eventi
TSW 2020
Varsavia (Polonia)
15-16 Gennaio 2020

FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

Melagrane mercoledì 2 ottobre 2019


«Melagrane, la raccolta aumenterà del 25-30%»

La qualità paga sempre. Questo il mantra della King Company - azienda di Sant’Oreste (Roma) specializzata nella coltivazione e vendita di melagrane - che, in questi giorni d'inizio ottobre, sta terminando la raccolta della varietà precoce Akko negli appezzamenti del Lazio. I primi stacchi di Wonderful, invece, dovrebbero iniziare fra 15-20 giorni, non appena i frutti raggiungeranno il grado brix adeguato.

“In Lazio, dove si concentrano i terreni aziendali e quelli dei nostri conferitori, abbiamo riscontrato un incremento dei frutti sulle piante prossimo al 25-30% rispetto all'anno precedente", dice a Italiafruit News il titolare Mirko Caccia

"Le piante sono molte belle e sane, hanno foglie verdi scure e crescono in fretta. La pezzatura dei frutti è buona, come pure la quota di produzione che presenta caratteristiche di prima categoria. Prevediamo quindi di gestire melagrane italiane che potranno essere conservate al meglio sino al mese di febbraio".



L'azienda romana, per integrare la propria offerta, sta lavorando da metà settembre le melagrane Akko coltivate da partner spagnoli, che saranno distribuite almeno fino al 15 ottobre prossimo. Da quest’anno, poi, King Company inizierà a disporre di ingenti quantità di Wonderful tunisine

"Da quattro anni - conclude Caccia - gestiamo delle piantagioni situate nel Sud della Tunisia, vicino al deserto. Terreni dove riusciamo a produrre frutti con eccellenti caratteristiche qualitative, raccolti a 18 gradi brix e oltre. La produzione tunisina sarà destinata a quella fascia di clientela orientata sui prezzi concorrenziali e ci consentirà di sostituire completamente l'importazione da Turchia ed Egitto con un prodotto di qualità nettamente superiore rispetto a queste due origini". 

Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: