eventi
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

Uva da tavola martedì 3 settembre 2019


«Uva da tavola, consumi calmi nonostante le promozioni»

Una partenza a rilento per l'uva da tavola pugliese, nonostante le continue promozioni che sono state programmate dalla Gdo europea durante lo scorso mese di agosto. Lo spiega a Italiafruit News Giacomo Suglia, presidente dell'Apeo - associazione che raggruppa i principali produttori ed esportatori pugliesi di uve da tavola - nonché vicepresidente nazionale di Fruitimprese.

“I nostri prodotti, finora, hanno vissuto di sole promozioni. Ma il consumo è rimasto purtroppo abbastanza calmo. La nostra filiera, di conseguenza, non sta riuscendo a compensare i mancati introiti produttivi, derivanti dal calo dei volumi delle varietà precoci (Victoria, Black Magic, ecc.) prossimo al 40%, con punte del 50% per le seedless”.

Per quanto riguarda le cultivar medio-tardive più importanti, come Italia e Red Globe, “le quantità disponibili - secondo Suglia - saranno più o meno stabili rispetto all'annata precedente, al massimo potrebbe esservi un calo del 10%”. 


Giacomo Suglia 

L'elevata qualità dei frutti fa ben sperare per le prossime settimane di commercializzazione. Il presidente dell'Apeo confida, in particolare, che il mercato europeo possa riconoscere i maggiori sforzi che, negli ultimi anni, hanno compiuto i produttori italiani per assicurare la massima sicurezza alimentare e ambientale possibile. “Le nostre produzioni finiscono spesso con l’essere paragonate, in termini di prezzo, a quelle di Paesi che non offrono tutti i nostri pregi - evidenzia - Saremo perdenti fino a quando non riusciremo a farli capire chiaramente ai consumatori".

Suglia, infine, ritiene quantomai fondamentale l'apertura di nuovi mercati dell'Oriente, quali ad esempio la Cina, il Giappone e il Vietnam. "Abbiamo bisogno di una politica estera più concreta, una politica che non perda tempo a litigare ma a programmare. Fa male - conclude il presidente - apprendere che la Spagna potrà iniziare ad esportare in Cina (clicca qui per leggere la nostra notizia, ndr), quando produce solo 110mila tonnellate di uve l'anno, rispetto alle nostre 800mila".

Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: