eventi
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

lunedì 26 agosto 2019


Pere e cimici, Verona perde l'80% del raccolto

Dopo i nubifragi di agosto, che hanno colpito pesantemente le produzioni ortofrutticole venete, ciò che è rimasto da raccogliere è ora oggetto di attacchi rilevanti della cimice asiatica che compromette la piccola parte di raccolto che si era salvata. “L’attacco delle cimici è particolarmente grave”, sottolinea Andrea Lavagnoli, presidente di Cia-Agricoltori Italiani Verona. “Sono state attaccate sia le susine che le produzioni di pere. L’80% del raccolto di William e Conference sarà da buttare. Una volta raccolte le pere, la massa delle cimici si sposterà sulle mele a partire dalla Granny Smith. La cimice, nonostante i tunnel freddi siano chiusi parte a parte con le reti, si è insinuata e ha provocato danni alle colture orticole variabili fra il 40 e l’80%. In pratica la cimice attacca le culture nella sequenza di crescita, dalle prime che maturano alle tardive. Ciò che si può affermare senza alcun dubbio è che i pereti sono a rischio di sparizione. Sono già infatti, iniziate le estirpazioni da parte degli agricoltori che, esasperati dalle continue perdite del raccolto, decidono di rinunciare alla coltura”.

I tempi per risolvere il problema saranno lunghi, e intanto le aziende agricole rischiano il collasso. Si attende ancora, infatti, la rivisitazione delle norme sull’introduzione delle specie alloctone che dovranno contrastare la presenza della cimice asiatica e, successivamente, sarà necessario un opportuno periodo di sperimentazione per verificare gli eventuali impatti ambientali e le conseguenti modifiche degli equilibri ecologici. “Nel frattempo sia i fitofarmaci che le reti si stanno dimostrando una risposta parzialmente efficace" rimarca Lavagnoli. “Riteniamo perciò che il fenomeno vada considerato alla stregua di una calamità naturale eccezionale e vada dunque richiesto al ministero dell’Agricoltura la declaratoria al fine di poter ristorare i danni agli agricoltori. Fin dal prossimo anno nel piano assicurativo andrà anche introdotta, accanto a gelo, pioggia, vento, grandine, siccità, la possibilità di assicurare i raccolti contro la cimice asiatica in forma agevolata”.

Anche nel Ferrarese i danni sono gravissimi. “Siamo di fronte a una situazione drammatica e per questo tutti gli agricoltori, indipendentemente dalla loro associazione di riferimento, devono manifestare per far emergere i gravi problemi che attraversano la nostra pericoltura - ha detto Stefano Calderoni, presidente di Cia – Agricoltori Italiani Ferrara - Non si tratta di qualche azienda frutticola che rischia di chiudere, ma di decine di migliaia di posti di lavoro che andranno in fumo e di un intero indotto economico che verrà a mancare”.

Fonte: Cia Verona - Cia Ferrara


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: