eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
SANA 
Bologna
6-9 Settembre 2019 
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

martedì 6 agosto 2019


Pere estive, le aste partono con prezzi medio alti

Prezzi medio alti per le pere estive emiliano-romagnole: presso le aste giornaliere di Coferasta, infatti, i produttori delle varietà Carmen e Santa Maria stanno riuscendo a portare casa dai 75 ai 95 centesimi di euro il chilo, a seconda delle caratteristiche qualitative delle singole partite. 

"Noi abbiamo iniziato a commercializzare le pere da tre settimane - spiega a Italiafruit News Gabriele Roncarati, import-export manager di Coferasta - Per ora stiamo trattando Carmen e Santa Maria; quest'ultima è una varietà che viene richiesta soprattutto dagli operatori che puntano sull'esportazione in Nord Europa e Germania. Dalla prossima settimana, poi, andremo ad inaugurare la campagna delle Williams”.

In questa stagione, le quantità di Carmen e Santa Maria esposte nelle sale di Coferasta sono inferiori di circa il 30% rispetto al normale. Si può notare, in linea generale, una prevalenza delle pezzature medio-piccole

"Quest’anno la qualità organolettica ed estetica delle pere precoci non è il massimo. Abbastanza diffusi sono i danni da cimice asiatica, che ci stanno creando problemi nella fase di quantificazione dello scarto". Di conseguenza, “le quotazioni sono assolutamente buone: il prodotto, in questi giorni, viene battuto all'asta a prezzi compresi tra 80 centesimi e un euro il chilo”.

Per quanto riguarda la varietà Williams, la cui raccolta in Emilia-Romagna è appena iniziata, Coferasta si aspetta di vedere le stesse condizioni qualitative di Carmen e Santa Maria. “Ci stiamo addentrando in una campagna pericola non facile - conclude Roncarati - Bisognerà comprendere, in particolare, quali livelli di qualità e quantità si riusciranno ad avere con l'Abate Fétel e la Conference da fine agosto in avanti”.

Copyright 2019 Italiafruit News 


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: