eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
SANA 
Bologna
6-9 Settembre 2019 
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

mercoledì 31 luglio 2019


Agribologna sceglie il packaging in Pla compostabile

Arriva sugli scaffali della Gdo in Italia il packaging completamente biodegradabile e compostabile della linea "Questo l’ho fatto io" del Consorzio Agribologna. Si tratta del restyling del packaging della linea di prodotti che sono da oggi confezionati con un film in Pla - acido polilattico - interamente compostabile. 
 
“Il progetto delle confezioni Questo l’ho fatto io in Pla - commenta Angelo Palma, direttore generale del Consorzio Agribologna - nasce dalla scelta, che viviamo come necessaria, di agire concretamente per ridurre il più possibile l’impatto ambientale dei nostri prodotti, a favore di un futuro sostenibile. La ricerca per identificare e testare un materiale che potesse essere idoneo a racchiudere l’ortofrutta, e al tempo stesso compostabile, è durata circa cinque mesi, in collaborazione con i reparti marketing e ricerca e sviluppo. Per noi, proporre un packaging completamente biodegradabile è motivo di orgoglio".

"Siamo riusciti ad arrivare sugli scaffali con questa novità - aggiunge Palma - che crediamo importante, solo di recente, nonostante le difficoltà di produzione incontrate in campagna dai soci Agribologna, dovute al meteo instabile registrato negli ultimi mesi. Sentiamo forte la motivazione a cogliere sempre nuove sfide a favore dei nostri clienti, dei soci e dell’ambiente. Non è certo un caso che i soci del Consorzio Agribologna siano stati, ormai alla fine del 2016, fra i primi in Italia a essere certificati Sqnpi (Sistema di qualità nazionale di produzione integrata)”. 


Angelo Palma
 
Il packaging riprende l’inconfondibile grafica del brand "Questo l’ho fatto io": il colore rosso di testi e grafica; il volto del socio agricoltore che "ci mette la faccia"; nome e localizzazione dell’azienda agricola. In aggiunta e a "sigillo" il messaggio e la buona notizia "Confezione biodegradabile e compostabile. Riciclabile nell’umido". Si tratta del messaggio che guida il consumatore sia nella scelta di un prodotto "a rifiuti zero", sia nel momento di gettare la confezione nei rifiuti.  
 
Ad oggi, la linea "Questo l’ho fatto io" con packaging in Pla include: lattuga trocadero, gentile rossa, gentile verde, insalata romana, zucchine bolognesi, zucchine scure, cetrioli, melanzana striata, melanzana viola, melanzana globosa. In arrivo ad autunno 2019, con lo stesso packaging, anche la linea "Officine della Terra". "Questo l’ho fatto io", con packaging in Pla è presente fin da oggi sugli scaffali Coop Gulliver, e a breve sarà anche sugli scaffali Conad



 
Chi è Agribologna 
Gruppo Agribologna è la filiera che gestisce tutte le fasi di produzione, lavorazione e distribuzione di ortofrutta fresca, che vede: un fatturato superiore ai 230milioni di euro (2018), in crescita del 10% sull’ anno precedente, 135 soci agricoltori con 3.200 ettari di superfici coltivate, 220 dipendenti e 2.500 clienti, nei canali della grande distribuzione organizzata, della ristorazione e del retail tradizionale. Pensiamo che il futuro del pianeta sia nelle nostre mani ed è per questo che abbiamo scelto di adottare tecniche di coltivazione integrata (a certificazione Sqnpi) e biologica. Crediamo che la sicurezza alimentare e la qualità non debbano mai essere messe in discussione. I nostri prodotti vengono tracciati e controllati lungo tutto il percorso produttivo. Dalla semina o trapianto, dalla raccolta alla lavorazione e al confezionamento fino alla distribuzione. Ogni giorno selezioniamo, raccogliamo a mano e distribuiamo l’ortofrutta della qualità migliore, nel pieno della stagionalità, per garantire ai consumatori, alla ristorazione e ai nostri partner  il massimo della bontà e salubrità alimentare.

Fonte: Ufficio stampa Gruppo Agribologna 


Altri articoli che potrebbero interessarti: