eventi
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

mercoledì 15 maggio 2019


Il Pomodoro Cesarino verso la consacrazione

Il Pomodoro Cesarino è stato presentato alla stampa al Castello di Monterone di Perugia con l'operazione "Pomodoro Cesarino", per iniziativa dell’Associazione "Pomodoro de Cesare" e dell’Amministrazione comunale, ad una folta platea di giornalisti interessati.

Il Pomodoro Cesarino di Monte Castello di Vibio ha già fatto molta strada. E molta altra ne vuole fare. Un passo dopo l’altro, in tempi da record, la varietà ri-scoperta appena qualche anno fa nell'orto di un anziano agricoltore ha tagliato il traguardo dell'iscrizione al registro regionale delle risorse genetiche autoctone di interesse agrario. Un traguardo che meritava di essere festeggiato e raccontato.

I protagonisti a diverso titolo dell’operazione Pomodoro Cesarino hanno spiegato cosa è stato fatto e quel che si vuole fare da ora in avanti.
A prendere la parola, in un clima amichevole e informale, il sindaco di Monte Castello di Vibio, Daniela Brugnossi, orgogliosa di avere un prodotto identitario pronto a fare da ambasciatore del proprio territorio, Anthony Poli, presidente dell’Associazione Pomodoro de Cesare che raggruppa alcune aziende interessate imprenditorialmente alla varietà, e Luciano Concezzi, direttore del Parco 3a di Pantalla, che ha illustrato i caratteri del Cesarino e anche le altre attività nel campo della biodiversità.

Rustico e resistente, il Cesarino si può seminare anche a spaglio. Cresce bene anche in terreni aridi, non ha bisogno di molta acqua e reagisce quindi bene alla siccità, manifesta una più alta resistenza a malattie fungine e all'attacco degli insetti. Alta pure la capacità di conservazione naturale. Le analisi chimiche ed organolettiche sono altrettanto positive, facendone un prodotto duttile ed apprezzato.

Dopo la reintroduzione in pieno campo e le prime sperimentazioni, l’annata 2019 dovrebbe essere quella della consacrazione produttiva e commerciale. La semina è già iniziata su alcune piccole superfici, perché l’obiettivo resta quello di un mercato di nicchia, che guarda con interesse all'estero e ad una valorizzazione economica che passi anche attraverso iniziative mirate, come è stata la partecipazione a Terra Madre nel 2018, grazie all'azienda Il Poggiolo di Matteo Ciucci, e che potrebbe venire in un futuro prossimo anche dal riconoscimento quale presidio Slow Food.

Fonte: Il Tam Tam


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: