eventi
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

lunedì 1 aprile 2019


Consumi smodati e cambiamenti climatici, frutta a rischio

Cambiamenti climatici e consumi “smodati”, il rischio di conseguenze disastrose è dietro l’angolo: così la pensa il Wwf, secondo cui tra solo mezzo secolo rischiano di non esserci più né vino né frutta e di diminuire in modo consistente grano, soia e mais. Il grido d’allarme è stato lanciato venerdì in occasione dell'Earth Hour 2019, ricorrenza celebrata il 30 marzo che prevede lo spegnimento dei riflettori di alcuni monumenti simbolo. L'Italia appartiene alla lista di Paesi che consuma più di quanto ha a disposizione: per soddisfare la "fame italica", servirebbero 4,3 Italie.

E il dramma, sostiene Wwf, è che la situazione, se non saranno adottate tempestive contromisure, non potrà che peggiorare nel corso dei prossimi decenni, “quando le risorse cominceranno a diminuire ulteriormente a causa dei cambiamenti climatici, elemento che non colpisce solamente zone remote come i poli o l'equatore, ma che ormai ha importanti ripercussioni anche in Italia, dove il surriscaldamento sta colpendo la produzione agricola nazionale trasformando profondamente il territorio e portando ad una diminuzione dei prodotti che sarà possibile coltivare 
nel corso dei prossimi decenni”.


Ecco allora che secondo uno studio, nel corso dei prossimi 50 anni la produzione di vino calerà dell'85% a causa della maturazione dell'uva resa più difficoltosa dalle temperature in aumento e nei campi non si coltiveranno più frutti come pesche, albicocche e fragole. Conseguenze pesanti in vista anche in molte altre aree e continenti, dalla California agli Stati africani.

L’attuale utilizzo delle risorse, oltretutto, mette in evidenza il Wwf, non sfrutta appieno la biodiversità delle coltivazioni: a fronte di circa 6mila specie vegetali, per esempio, ne vengono utilizzate solo 200 per produrre cibo, di cui nove sfruttate nel 66% dei casi. I cambiamenti climatici, infine, hanno effetti importanti anche sugli aspetti nutrizionali del cibo stesso provocando - conclude lo studio -una diminuzione dei nutrienti.

Copyright 2019 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Wwf

Altri articoli che potrebbero interessarti: