eventi
BIOFACH 2019
Norimberga
13-16 Febbraio 2019
CIBUS CONNECT
Parma
10-11 Aprile 2019
MACFRUT 2019
Rimini
8-10 Maggio 2019

leggi tutto

martedì 22 gennaio 2019


Frutticoltura di qualità, incontro in Romagna

“Soluzioni tecniche orientate alla frutticoltura di precisione” è il titolo dell’incontro in programma domani a Faenza (Ravenna), Hotel Il Cavallino (Via Forlivese, 185), alle ore 16.30.

L’area faentina, e la Romagna tutta, è la culla della frutticoltura di qualità. Non è quindi un caso che sia stata scelta la città di Faenza per ospitare questo appuntamento, al quale parteciperanno anche esponenti di primo ordine della comunità accademica e tecnici di riferimento nel panorama ortofrutticolo italiano, che racconteranno le proprie esperienze in un settore in continua evoluzione.

L'agricoltura di precisione è una strategia gestionale dell'agricoltura che si avvale di moderne strumentazioni ed è mirata all'esecuzione d’interventi agronomici tenendo conto delle effettive esigenze colturali, nel pieno rispetto dell’ambiente e delle persone.



A Faenza il focus sarà sulle reti fotoselettive che agiscono sulla protezione da intemperie, come grandine e vento, e insetti e contemporaneamente sullo sviluppo delle piante e delle produzioni, modificando quantità e qualità della luce disponibile.

Interverranno all’incontro: Davide Neri, professore dell'Università Politecnica delle Marche, Rosemarie Tedeschi, professoressa del Disafa dell'Università di Torino, Lucio Ragazzini, responsabile Agricoltura La Bcc, Bruno Gagliardo di Agrintech, Marilena Grecchi, Gabriel Chemie, Tiziano Rondinini, presidente Periti Agrari, Edwige Remy di International Plant Selection, Massimo Basaglia di Apoconerpo, Michele Bravetti, consulente agronomo, Giampaolo Dal Pane del Consorzio Dori e Giuliano Donati di Granfrutta Zani.

L’incontro è organizzato da Agrintech, per celebrare i 10 anni della rete fotosensibile Iridium, in collaborazione con i Collegi dei Periti Agrari delle province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini, e la Bcc ravennate forlivese e imolese.

Fonte: Agrintech


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: