eventi
FRUIT LOGISTICA
Berlino
6-8 Febbraio 2019
BIOFACH 2019
Norimberga
13-16 Febbraio 2019
CIBUS CONNECT
Parma
10-11 Aprile 2019
MACFRUT 2019
Rimini
8-10 Maggio 2019

leggi tutto

martedì 4 dicembre 2018


Prodotti brutti ma buoni, la spesa viaggia sull'Ape car

Da aprile a oggi i trentenni Luca Bolognesi e Camilla Archi, ideatori del progetto "Bella Dentro, il gusto del buon senso", hanno venduto a Milano quasi 20mila chili di frutta e verdura con caratteristiche estetiche non adeguate per i supermercati. I due giovani, come riporta il quotidiano Repubblica, hanno lasciato i loro rispettivi lavori e si sono buttati con convinzione e intelligenza nel commercio dell'ortofrutta brutta (grandinata, sproporzionata, ecc.) ma buona su piccola scala. 

Oggi non è difficile trovare fra le strade della città la loro Ape car, rivestita di erba sintetica e sulla quale capeggia la scritta "Basta sprechi!". L'assortimento varia di settimana in settimana e proviene da diversi produttori partner di Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna e Sicilia (Cascina Pizzo, Le Motte, Agricola Sant’Andrea, Chiozzini Domenico, Pirazzini Claudio, Tabanelli, Convi Vivai, Sicilia Bedda, Consorzio EuroAgrumi)



Con l'aiuto del web e dei social network, l'azienda sta creando un filo diretto con il consumatore, aggiornando continuamente la lista dei prodotti disponibili con i relativi difetti. 

E i meneghini, nel frattempo, hanno premiato l'idea imprenditoriale. "All'inizio - fa sapere Camilla - i consumatori erano molto scettici, vendere frutta e verdura ammaccata a clienti abituati a mele e pere lucide come argenteria sembrava impossibile. Oggi, invece, riceviamo prodotti da molte regioni. Vengono persone di ogni tipo: dalla sciura impellicciata allo studente fuori sede".

Per la clientela più fidelizzata c'è anche la possibilità di prenotare la spesa online e di ritirarla sul posto, concordando luogo e orario. "Siamo felici di quanto abbiamo costruito e non torneremo mai indietro. Avremo anche meno soldi, ma ci abbiamo guadagnato in salute", conclude Camilla.



Copyright 2018 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: