eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong Kong
4-6 Settembre 2019
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019

leggi tutto

lunedì 5 novembre 2018


«Venti gradi alla mattina: cosi è difficile vendere mele»

Venti gradi centigradi alle cinque di mattina non possono far altro che penalizzare la vendita di mele, nonostante l'elevata qualità di cui dispongono i produttori italiani. Il Mercato ortofrutticolo di Bari vive questa situazione "anomala" da diverse settimane. E il termometro non accenna a scendere. Così, accanto alla mela, sta trovando largo spazio un articolo estivo come la prugna.

"Fino al 10 ottobre scorso - spiega a Italiafruit News Chiara Celiberti della ditta Paglionico Nicola - i nostri clienti facevano la guerra per acquistare le angurie di Nardò (Lecce) a prezzi altissimi".

Da quel momento a oggi, il clima non è cambiato molto: le temperature che continuano a essere estremamente alte riducono le opportunità di consumo delle mele, come spiega l'operatrice. "La qualità dei frutti è ottima, ma i volumi esitati sono nettamente inferiori rispetto allo stesso periodo del 2017".

In attesa dell’entrata sul mercato delle prime Pink Lady e di altre mele club, la società sta gestendo soprattutto tre varietà: Golden, Fuji e Royal Gala. "Si riesce a piazzare bene solo la merce in padella, di prima categoria, richiesta da negozianti e fruttivendoli. Mentre registriamo delle forti difficoltà con il prodotto di seconda fascia che presenta piccoli segni di ruggine e/o di grandine".

"Sul fronte della pezzatura - conclude Celiberti - notiamo una significativa presenza di merce grossa, mancano invece i calibri intermedi e quelli piccoli. Le quotazioni medie sono molto competitive rispetto al 2017 e non si registrano oscillazioni significative tra i calibri 80-85mm e 75-80mm".

Copyright 2018 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: