eventi
FRUIT LOGISTICA
Berlino
6-8 Febbraio 2019
BIOFACH 2019
Norimberga
13-16 Febbraio 2019
CIBUS CONNECT
Parma
10-11 Aprile 2019
MACFRUT 2019
Rimini
8-10 Maggio 2019

leggi tutto

mercoledì 28 novembre 2018


«Carciofi ko, in Sardegna continua l'annus horribilis»

Carciofaie distrutte, campi allagati, serre distrutte, aziende ferme. Il “dramma” di uno degli ortaggi più caratteristici dell’isola è solo l’ultimo atto di un’annata nera per la Sardegna:  “Il 2018 è iniziato male con le gelate di gennaio ed è proseguito con la siccità che si è protratta sino a tutto aprile”, dice Salvatore Lotta, direttore commerciale di Op Agricola Campidanese di Terralba (Oristano). “Da fine aprile, sono cominciate le ricorrenti piogge torrenziali che continuano a martoriarci, pur con qualche breve spiraglio. Il bilancio, per l’ortofrutta sarda, è pessimo: la raccolta di meloni e angurie è stata ritardata di un mese e il maltempo ha compromesso la fase finale della campagna dei due prodotti, tra fine agosto e settembre, anticipandone la chiusura e rovinando molti frutti in campo. Da settembre le piogge sono diventate particolarmente abbondanti e frequenti, tanto che almeno il 50% del raccolto di carciofo è andato perso”. 

“Al momento Agricola Campidanese - aggiunge Lotta - riesce a lavorare il 25% circa del fabbisogno di questo prodotto. Nei terreni c’è molta acqua, a causa dell’asfissia molte carciofaie resteranno improduttive o produrranno in ritardo. Alcune cooperative specializzate sono passate da 5 milioni a 700mila pezzi e iniziano ad avere difficoltà serie. Non va meglio al pomodoro Camone: ci sono soci dell’Op che disporranno sì è no della metà dei volumi di un'annata normale”. 


Immagine di raccolta di carciofi in campi di Agricola Campidanese. In alto, i danni del maltempo

Un annus horribilis, insomma, “aggravato - denuncia Lotta - dalla latitanza della politica che non fa la sua parte: i contributi Agea per il ristorno di parte delle assicurazioni 2015/16 sono ancora bloccati e tanti agricoltori in questa stagione non hanno potuto assicurarsi, non avendo i soldi per farlo. Bisognerebbe, poi, mettere a disposizione fondi per garantire una maggiore manutenzione: pulire i canali è un primo passo per prevenire i disastri”. 

“La nostra Op - aggiunge il manager di Agricola Campidanese - sta cercando di tamponare le situazioni critiche e di aiutare i soci, dare loro sollievo. Ci sono piccole aziende in seria difficoltà, ho visto agricoltori piangere: lo stare assieme in una struttura organizzata rende più forti, ma è comunque complicato. Chiediamo interventi strutturati per il nostro settore. E speriamo che le condizioni climatiche migliorino”. 

Copyright 2018 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: