eventi
HORTI CHINA
Quingdao
19-21 Settembre 2019
FRUIT ATTRACTION
Madrid
22-24 Ottobre 2019
FUTURPERA
Ferrara 
28-30 Novembre 2019
FRUIT LOGISTICA
Berlino
5-7 Febbraio 2020
MACFRUT 
Rimini
5-7 Maggio 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020

leggi tutto

martedì 4 settembre 2018


Frutta, il bilancio di Fruitimprese Emilia-Romagna

Un primo bilancio della campagna della frutta estiva 2018 lo traccia Giancarlo Minguzzi, presidente di Fruitimprese Emilia-Romagna e della Op Minguzzi Spa di Alfonsine (Ravenna).
“Sono in progressiva e forte diminuzione le raccolte di pesche e nettarine in Emilia Romagna - dice Minguzzi - che termineranno circa a metà settembre, ma anche nelle altre regioni la disponibilità diminuirà del 50% nelle prossime settimane con prezzi in miglioramento. Dal punto di vista del reddito il bilancio di pesche e nettarine si potrà considerare positivo per la parte iniziale (maggio-giugno) e finale poiché nei mesi centrali (luglio e fino al 25 agosto) la pressione di Grecia e Spagna si è fatta sentire, quindi vedremo a consuntivo prezzi inferiori alle aspettative. Procedono bene anche le vendite delle susine e già dalla prossima settimana inizierà la raccolta di Angeleno le cui quantità sono previste in calo rispetto allo scorso anno sia in Italia ma soprattutto in Spagna”.

Sul fronte pere è terminata la raccolta di William con un calibro inferiore rispetto alla scorso ma con quantitativi simili, mentre Abate è ora in piena raccolta e si prevede un raccolto leggermente superiore allo scorso anno. “Per la determinazione del valore - aggiunge Minguzzi - occorrerà verificare la produzione di pere in Belgio e Olanda, dove il raccolto dovrebbe essere di calibro inferiore alla media. Le mele precoci già raccolte in Emilia Romagna stanno dando soddisfazioni ai produttori, grazie ai magazzini vuoti lasciati dalla scorsa stagione e complice anche una rinnovata selezione di cloni di mele Gala”.

Infine le albicocche. “Nonostante una produzione inferiore allo scorso anno specialmente in Emilia Romagna - conclude Minguzzi - continua da parte dei clienti sia in Italia ma anche all’estero la richiesta di prodotto di qualità che non sempre sappiamo offrire. E non si può più contare sull’industria che fino a qualche anno fa differenziava e valorizzava il prezzo dell’albicocca”.

Fruitimprese Emilia Romagna è l’associazione che riunisce le grandi imprese private commerciali dell’ortofrutta della regione per un fatturato di 900 milioni di euro l'anno e il 60% di export.

Fonte: Ufficio stampa Fruitimprese Emilia Romagna


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: