eventi
WORLD FOOD MOSCA
Mosca (Russia)
17-20 Settembre 2018
FRUITTRADE
Santiago (Cile)
3-4 Ottobre 2018
PMA FRESH SUMMIT
Orlando (Usa)
18-20 Ottobre 2018
INTERPOMA
Bolzano
15-17 Novembre 2018 
FRUIT ATTRACTION
Madrid (Spagna)
23-25 Ottobre 2018
EIMA INTERNATIONAL
Bologna
7-11 Novembre 2018
SPECIALE FRUTTA&VERDURA 2018
Milano
30 Novembre 2018

leggi tutto

mercoledì 8 agosto 2018


Germania, Lidl ritira polpa in scatola italiana

Tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono state ritirate dal mercato, la Germania ha attivato il Sistema rapido di allerta europeo (Rasff) avvisando le autorità sanitarie dei diversi Paesi europei della presenza di frammenti di plastica in polpa di pomodoro in scatola con basilico proveniente dall’Italia, e commercializzata da Lidl in Germania. Nello specifico si tratta del lotto "L327NDB 6A-31/12/2020 SI LB 224" in barattolo da 400 grammi con data di scadenza minima 31/12/2020 prodotto da un’azienda con sede dello stabilimento alla zona industriale di Caivano (Napoli).

Ecco allora il ritiro e l’immediata sostituzione in via precauzionale. Attualmente le informazioni sono disponibili sul portale del governo tedesco all’indirizzo Lebensmittelwarnung.de. Il motivo del ritiro: “In un barattolo sono stati trovati frammenti di plastica. Lidl invita a non consumare il prodotto che fa parte del lotto interessato. Si tratta di una misura precauzionale, dichiara ancora il comunicato in tedesco, perché non si può escludere che anche in altre confezioni del lotto interessato dal richiamo, possano presentare corpi estranei".

Nell’avviso di Rasff, invece, al numero "2018.2211" del 2 agosto si parla solo di “frammenti di plastica in pomodori tagliati in scatola in succo di pomodoro con basilico dall’Italia”. Decisione sul rischio: grave. Nell’ottica d’informazione quotidiana ai consumatori in materia di allerte alimentari, lo “Sportello dei diritti” nella persona del presidente Giovanni D’Agata, raccomanda, a scopo precauzionale, massima allerta, in attesa che il Ministero della salute comunichi sul suo sito web, nella sezione “Avvisi di sicurezza” se il lotto interessato dal richiamo in Germania è venduto anche nella filiera dei negozi e supermercati in Italia. 

Fonte: internapoli.it


Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: