eventi
ASIA FRUIT LOGISTICA
Hong-Kong (Cina)
5-7 Settembre 2018
WORLD FOOD MOSCA
Mosca (Russia)
17-20 Settembre 2018
FRUITTRADE
Santiago (Cile)
3-4 Ottobre 2018
PMA FRESH SUMMIT
Orlando (Usa)
18-20 Ottobre 2018
FRUIT ATTRACTION
Madrid (Spagna)
23-25 Ottobre 2018
EIMA INTERNATIONAL
Bologna
7-11 Novembre 2018
SPECIALE FRUTTA&VERDURA 2018
Milano
30 Novembre 2018

leggi tutto

mercoledì 11 luglio 2018


«Le reti antigrandine hanno salvato il nostro raccolto»

Senza le reti antigrandine sarebbe stato un disastro. La perturbazione che domenica scorsa ha colpito il Friuli Venezia Giulia - soprattutto nella zona est della regione, in provincia di Gorizia - è stata violenta e i chicchi di ghiaccio hanno causato danni in agricoltura.

I frutticoltori stanno verificando lo stato delle loro produzioni, ma chi si è dotato di coperture può tirare un sospiro di sollievo. "Le reti antigrandine hanno salvato il raccolto - spiega a Italiafruit News Peter Larcher, presidente di Pomis e del Consorzio Mela Julia - Una grandinata violenta come quella di domenica avrebbe compromesso la qualità della produzione. Nel 2018 non si può più prescindere da questi sistemi: o si fa qualità oppure si può anche espiantare. Noi, nel nostro piccolo, abbiamo coperto 45 ettari di frutteti, ne restano fuori giusto un paio. Bisogna avere gli impianti antibrina, l'irrigazione a goccia, le reti antigrandine... Prima bisogna investire per poter garantire qualità e poi si può pensare di fare frutticoltura".

Per le mele si prospetta una campagna con più volumi rispetto alla scorsa. "Merce rovinata dalla grandine, quest'anno sarebbe stata impossibile da collocare - aggiunge l'imprenditore - Si prospetta un'annata molto carica, i quantitativi ci sono e sul mercato è possibile distinguersi solo con la qualità, con prodotti buoni e salubri. Ogni euro investito in questa direzione è uno sforzo che viene poi ripagato. Anche gli investimenti per avere produzioni a basso impatto ambientale iniziano ad essere ben valorizzati dal mercato. Certo che bisogna adeguarsi, non si può più ragionare secondo la logica 'dell'abbiamo sempre fatto così', bisogna guardare avanti pur consapevoli che, se le mele non sono buone, non si può dare una volta la colpa al territorio, l'altra al clima e l'altra ancora all'annata storta - conclude Larcher - Il nostro lavoro, quello dei produttori professionali, resta al centro".

Copyright 2018 Italiafruit News


Maicol Mercuriali
Editor - Social Media Manager
maicol@italiafruit.net

Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: