eventi
THINK FRESH
7 Settembre 2020
MACFRUT  DIGITAL
8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
INTERPOM  
Courtrai  (Belgio)
23-25 Novembre 2020

CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

giovedì 7 giugno 2018


Mipaaf o «ministero dell’Agri-turismo»?

A pochi giorni dalla nomina del nuovo ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Gian Marco Centinaio, e dopo qualche slogan anglofono già sentito (dal sostegno al Made in Italy, alla lotta all’italian sounding), leggendo le prime dichiarazioni del nuovo responsabile del Dicastero di via XX Settembre si ha l’impressione di ascoltare vecchi ritornelli. Detti e scritti da altri.

Ortofrutta o no, infatti, da alcuni anni il Mipaaf sembra fare proprie le battaglie di una sola parte del mondo agricolo. Non discuto nello specifico del loro valore, ma – questa volta - mi piacerebbe un ministro più autonomo e autorevole, rappresentante di tutti gli schieramenti. Di vedute “più ampie di un chilometro zero”, insomma.
Esperto e capace di discutere e difendere le questioni nazionali anche in sede europea. Abbiamo davanti la riforma della Pac post 2020, prima di tutto: un impianto normativo che va difeso dagli annunciati tagli finanziari.


E, venendo nello specifico al nostro settore, c’è il decreto per il Tavolo ortofrutticolo già pronto per la sua firma. Non solo, serve presto il catasto frutticolo, la riforma di Agea, sbloccare il ritardo dei pagamenti, un supporto per aprire nuovi mercati (superando le finte barriere fitosanitarie), gestire le crisi di mercato.

Per questi motivi, semplificare le politiche agricole soltanto all’aspetto food, o affiancarle a un settore, quello turistico, che ha già le sue difficoltà e prerogative, mi preoccupa. “Per il momento sono solo ministro dell'agricoltura, ma aspetto la delega al turismo”, ha dichiarato venerdì Centinaio.
Posto che, se volesse fare bene “solo” il ministro dell’Agricoltura, potrebbe quasi non dormirci la notte.

Copyright 2018 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Leggi altri articoli su:

Altri articoli che potrebbero interessarti: