eventi
MACFRUT  DIGITAL

8-10 Settembre 2020
FRUIT ATTRACTION
Madrid
20-22 Ottobre 2020
SIAL
Parigi 
18-22 Ottobre 2020 
INTERPOMA
Bolzano 
19-21 Novembre 2020
CIBUS
Parma 
4-7 Maggio 2021 

leggi tutto

venerdì 13 aprile 2018


«L'alimentazione vegan premia le verdure surgelate»

L'adozione di stili di vita salutari sta spingendo le vendite di vegetali surgelati, in particolare di minestroni e verdure come spinaci, carote, cicorie e bieta a coste.

"I consumatori - spiega Germano Picco, presidente di Agrifood Abruzzo, società commerciale dell'Op Covalpa Abruzzo - hanno cominciato a capire che le verdure surgelate sono l'unica garanzia di poter consumare sempre un prodotto stagionale coltivato a pieno campo, nutriente e altamente sicuro. La tendenza dell'alimentazione vegetariana e vegana ci ha consentito di aumentare del 20% il fatturato tra il 2016 e il 2017. In questi due anni, in particolare, hanno preso piede nuovi prodotti come la verza, le cime di rapa e il cavolo nero".

Agrifood Abruzzo, presente nel settore da più di trent'anni, commercializza i propri prodotti - certificati Ifs (International food standard) - nei canali dell'industria, della distribuzione moderna e della ristorazione. Due delle referenze di punta sono gli spinaci e le biete a costa "Foglia a Foglia" a marchio Passione Verde. "I nostri principali clienti - evidenzia Picco - sono Frosta (La Valle degli Orti), Giovanni Rana, Aia e i gruppi distributivi Esselunga e Selex".



L'intera fase di produzione si realizza nello stabilimento Covalpa di Celano (L'Aquila), nella piana del Fucino. Si tratta di una delle più grandi strutture di surgelazione del Centro e Sud Italia. A Celano, infatti, sono attive sette diverse linee di lavorazione e 14 celle frigorifere, di cui nove a temperatura controllata e cinque a temperatura forzata.



"Attualmente - spiega Gianluca del Corvo, responsabile dello stabilimento - stiamo gestendo spinaci, bietole e carote. Seguiamo in maniera rigorosa i ritmi stagionali delle raccolte nel Fucino, nella Puglia e nelle Marche, riuscendo a produrre ogni anno circa 27mila tonnellate di materie prime surgelate".

Per assecondare l'incremento della domanda, la Covalpa ha introdotto a novembre 2017 una nuova linea di lavorazione dedicata allo spinacio. "I prodotti - conclude Del Corvo - sono scaricati direttamente dall'autotreno in un bunker di alimentazione lungo 18 metri. Un dissabbiatore, poi, elimina corpi estranei come sassi, plastiche e terra. Il prodotto prosegue il suo percorso nella selezionatrice ottica Tomra 5Sb Series (nella foto sottostante, ndr) per poi entrare nel tunnel di surgelazione (-35°C) per circa 40 minuti".



Copyright 2018 Italiafruit News


Leggi altri articoli di:

Altri articoli che potrebbero interessarti: